Uno dei massimi leader culturali della Giordania all’Università di Firenze

Conferenza del senatore e imprenditore Talal Abu Ghazaleh a Palazzo Fenzi

Domani, venerdì 4 maggio, nell’ambito delle iniziative in preparazione della conferenza internazionale 2019 a Firenze sulla storia e l’archeologia della Giordania

Nel gennaio 2019 è in programma a Firenze il XIV convegno internazionale sulla storia e l’archeologia della Giordania, organizzato dall’Università di Firenze, dal Comune di Firenze, in collaborazione con il Dipartimento di Antichità del regno di Giordania e Camnes-Center forAncient Mediterranean and Near Eastern Studies. Da più di trenta anni a Petra, in Giordania, è infatti attiva una missione archeologica dell’Università di Firenze, denominata “Petra Medievale” e guidata dall’archeologo Guido Vannini, che analizza i caratteri dell’insediamento dei crociati in Transgiordania (sec.XI–XII) e ha fatto emergere, dopo un’eclissi di quasi mezzo millennio, un articolato sistema classico di castelli feudali dell’intera valle.

Nell’ambito del programma di attività promosse dall’Università di Firenze in preparazione del convegno internazionale del prossimo anno, domani venerdì 4 maggio sarà a Firenze per un incontro uno dei massimi leader culturali del mondo arabo, Talal Abu Ghazaleh, senatore del regno di Giordania e presidente della Fondazione TAG-Org, società di servizi professionali nel campo dell’istruzione, dell’economia della conoscenza e della tecnologia dell’informazione.

La conferenza dal titolo “Intellectual Property Rights and Innovation” (ore 11 – Palazzo Fenzi, Aula Magna, via San Gallo, 10) è organizzata dal Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS) dell’Ateneo fiorentino e tratta del rapporto fra diritti di proprietà intellettuale e mondo culturale e scientifico. Sarà presente il rettore dell’Ateneo fiorentino Luigi Dei.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai