STAMINALI – Gli Spedali Civili di Brescia si oppongono alle cure della piccola Sofia

Un nuovo ostacolo si profila all’orizzonte per la piccola Sofia, la bambina di tre anni e mezzo affetta da leucodistrofia metacromatica alle cui vicende si stanno interessando migliaia di italiani. Gli Spedali Civili di Brescia, che avevano interrotto la cura a base di cellule staminali dopo la prima infusione, si sono ora costituiti “parte resistente” nel processo in corso di svolgimento a Livorno.

Nonostante il consenso a proseguire del Tribunale e del Consiglio dei Ministri, infatti, la struttura sanitaria obietta che non esistono normative che permettano l’utilizzo delle cellule staminali in campo medico, e sostiene di ricevere richieste superiori alle proprie risorse. La famiglia di Sofia attende con apprensione il 18 aprile, giorno della prossima udienza.

Tag

Articoli correlati

Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai