Pitti Taste 2019 conquista tutti, buyer in aumento. Seimila presenze da 50 paesi.

Crescono i numeri del salone dedicato alle eccellenze del gusto, che piace sempre più agli operatori del settore internazionali. 

Performance ottime da Germania (+64%), Francia (+26%), Svizzera (+18%), Spagna (+35%), Austria (+60%) e Corea; in aumento anche gli operatori italiani (+3%).

L’edizione di Taste 2019 si è conclusa ancora una volta nel segno dell’entusiasmo diffuso tra espositori, operatori del settore e pubblico di food appassionati, che hanno affollato la Stazione Leopolda nei tre giorni di salone – scoprendo le novità e la ricchezza gastronomica delle quasi 400 aziende – e partecipando numerosissimi agli eventi in programma al salone e in città per il Fuori di Taste.

In totale sono stati circa 6.000 i buyer registrati, mettendo a segno un +3% rispetto a un anno fa (anche allora un’edizione in crescita), con incrementi sia sul fronte italiano (+3%) sia per le presenze dall’estero, in aumento del 5% come persone registrate e in crescita ancora maggiore come numero aziende compratrici (+8%).

Tra i mercati che hanno fatto registrare risultati migliori ci sono la Germania (+64%)mercato numero uno come presenze al salone, e poi Francia (+26% come ragioni sociali), Svizzera (+18% come ragioni sociali), Spagna (+35%)Austria (+60%) e Corea al raddoppio dei suoi compratori; molto bene anche i numeri da Olanda, Israele e Repubblica Ceca.

Complessivamente Taste ha superato le 16.000 presenze totali, grazie anche a un pubblico molto qualificato di cultori e appassionati del food, che in tre giorni di manifestazione sono stati oltre 10.100.

“L’energia di Taste contagia tutti – dice Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine – anche questa è stata un’edizione più che positiva, che si inserisce in una serie di edizioni in crescita, sia nei numeri che nella qualità, e di questo siamo molto soddisfatti. La selezione di aziende – anche con i nuovi ingressi, e le novità che queste hanno portato al salone sono state giudicate di altissimo livello, e hanno coinvolto il pubblico in tre giornate intense di degustazioni, presentazioni, scoperte e contatti commerciali. Al tempo stesso Taste è sempre di più un appuntamento per professionals: abbiamo registrato presenze in crescita e sempre più qualificate tra negozi specializzati, aziende della distribuzione, department store, importatori di eccellenze italiane, insomma molte delle migliori realtà internazionali del mondo del cibo di qualità. Ma Taste è anche sempre più un incubatore di tendenze, idee e temi della scena culinaria contemporanea: il Pianeta Pane ha conquistato tutti, con i laboratori A Scuola di Pane sold out e i talk seguitissimi; così come i Ring del Gastronauta Davide Paolini, solo per citarne uno quello con protagonisti Massimo Bottura e Massimiliano Alajmo e i loro progetti sociali. E chiaramente c’è stata tanta partecipazione anche per i quasi 90 eventi che hanno animato Firenze con il Fuori Di Taste: come sempre creativi e gustosi”.

Per concludere, numeri importanti li ha registrati il Taste Shop alla fine del percorso attraverso le novità delle aziende, che in tre giorni ha venduto circa 16.400 prodotti.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai