Pistoia capitale italiana della cultura 2017

Il capoluogo toscano battendo altri 8 comuni italiani si aggiudica il riconoscimento per il prossimo anno. Fino al 31 dicembre 2016 la capitale italiana della cultura è Mantova

Il Ministro Dario Franceschini ha proclamato nella giornata di ieri Pistoia come città vincitrice per l’anno 2017, in relazione ai risultati della votazione della giuria. Nel Salone del Consiglio Nazionale del Ministero in via del Collegio Romano, 27 è avvenuto l’annuncio. Presenti tutti i comuni arrivati alla selezione finale: Aquileia, Como, Ercolano, Parma, Pisa, Pistoia, Spoleto, Taranto e Terni. Ben due le città toscane tra le finaliste. Il Ministro Franceschini ha commentato così l’esito del voto:

«Mi pare una bella vittoria, un po’ a sorpresa – ha commentato Franceschini -. La commissione ha lavorato in modo approfondito e trasparente, non ci sono state pressioni»

L’ “elezione” di una città italiana a capitale della cultura del nostro Paese è stata indetta dopo l’importante nomina ricevuta da Matera come città europea della cultura per il 2019. Quest’anno siamo quindi al secondo esperimento in merito e Pistoia sarà la terza città italiana a potersi fregiare di questo riconoscimento, dopo Mantova 2016 e Ravenna 2015.

Il bando con cui è stata istituita questa novità nel panorama italiano è stato pensato con queste finalità promozionali e turistiche: stimolare una cultura della progettazione integrata e della pianificazione strategica; sollecitare le città e i territori a considerare lo sviluppo culturale quale paradigma del proprio progresso economico e di una maggiore coesione sociale; valorizzare i beni culturali e paesaggistici; migliorare i servizi rivolti ai turisti; sviluppare le industrie culturali e creative; favorire processi di rigenerazione e riqualificazione urbana. 

Sulla scia di quanto appena accaduto il Ministro ha annunciato che il bando per l’annualità 2018 è in preparazione e che sarà accessibile a breve.

Tag

Articoli correlati

Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai