LIVORNO – Rumeno ubriaco provoca 2 morti: arrestato

 

LIVORNO – Si era messo ubriaco alla guida, con un tasso alcolemico sei volte superiore al consentito. Improvvisamente avrebbe fatto un’inversione ad U perdendo il controllo della propria auto e causando uno scontro frontale tra la propria auto ed un’altra vettura con cinque persone a bordo. Due di queste, Maurizio Labruzzo di 63 anni e Isanella Rossi di 65, entrambi di Livorno, sono decedute. Altre due donne a bordo sono rimaste gravemente ferite e sono ricoverate all’ospedale pisano di Cisanello. L’incidente è avvenuto intorno alle 2 di stanotte in via delle Sorgenti al bivio di Nugola, tra Livorno e Collesalvetti. Il conducente ubriaco, Nelu Casangiu, un rumeno di 40 anni, è stato arrestato questa mattina dai Carabinieri con l’accusa di omicidio colposo plurimo e guida in stato di ebbrezza.

LA DINAMICA – Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, il rumeno, di professione camionista, avrebbe perso il controllo della propria auto, una Volvo S60 con targa bulgara, invadendo la corsia opposta di marcia, probabilmente durante una manovra di inversione a U. Proprio in quel momento stava arrivando una Ford Focus con cinque persone a bordo, di ritorno da una festa di Halloween a Vicarello. Lo scontro, terribile, ha fatto volare la Focus in un fosso ed ha provocato due morti, Maurizio Labruzzo (deceduto in ospedale a seguito delle gravi ferite) e Isanella Rossi (deceduta sul colpo), e quattro feriti, di cui due in condizioni molto gravi.

I feriti più gravi sono tutti gli altri occupanti della Ford: la moglie di Labruzzo e il conducente della vettura, il marito della signora Rossi (che è stato anche operato d’urgenza), sono ricoverati in prognosi riservata, mentre la sorella di Isanella Rossi ha avuto 30 giorni prognosi. Il soccorso è durato ben quattro ore, dalle 2 alle 6 di stamani. Sul posto, oltre ai Vigili del Fuoco che hanno estratto i corpi dalle lamiere, sono intervenute quattro ambulanze del 118: una proveniente da Vicarello, due della Misericordia di Livorno (una con medico a bordo) e una della Svs di Livorno.

Tag

Articoli correlati

Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai