Istituzioni formazione superiore, allo studio l’estensione della Carta dello studente

La vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni ha incontrato i rappresentanti delle istituzioni della formazione superiore AFAM (Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica) presenti sul territorio fiorentino, l’ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche), l’Accademia di Belle Arti e il Conservatorio Cherubini, sul tema della Carta dello Studente Universitario.

Nell’incontro è stata discussa la possibilità di estendere anche agli studenti delle istituzioni AFAM i servizi ed i vantaggi accessibili agli studenti Universitari fiorentini attraverso la Carta “Studente della Toscana”, tra i quali l’agevolazione per la fruizione del servizio di trasporto pubblico locale nell’area urbana fiorentina (autobus, tram e collegamenti ferroviari nella tratta urbana) e, su scala regionale, l’accesso ai servizi del Diritto allo Studio Universitario (DSU) e ad altri numerosi servizi e agevolazioni in ambito culturale (teatro, concerti, musei, biblioteche ecc.).

Le istituzioni, prendendo atto del carattere sperimentale dell’iniziativa (Anno Accademico 2018/2019) cui assieme a Regione Toscana e all’Azienda DSU Toscana, partecipano i quattro Atenei toscani di Firenze, Pisa, Siena e Siena Stranieri, hanno concordato di avviare uno scambio di informazioni tecniche al fine di verificare la possibilità concreta di un ampliamento dei soggetti beneficiari, restando all’interno dell’attuale schema organizzativo e allineandosi al modello per l’interoperabilità tra le basi dati adottato dagli attori oggi coinvolti.

All’incontro hanno partecipato anche l’Azienda DSU Toscana e un rappresentante di One Scarl la società che raccoglie in un unico soggetto i gestori del servizio di trasporto pubblico su gomma in Toscana. Le istituzioni intervenute hanno terminato l’incontro con l’impegno a proseguire nella collaborazione oggi avviata.

Tag

Articoli correlati

Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai