Giovani & salute, ecco le idee vincenti al Forum Sistema Sanità di Firenze

Con Leo Contest e Rare Deasease Hackathon gli studenti hanno ideato soluzioni brillanti per l’assistenza di anziani, neomamme e adolescenti in difficoltà. Nicola Pinelli (Fiaso): «Questa è la meglio gioventù. Ci impegneremo per supportare le loro proposte» 

Una app per prevenire la depressione post partum, un sistema per organizzare la giornata dell’anziano e una piattaforma per aiutare i bambini affetti da una malattia rara a non sentirsi esclusi dalla vita della propria classe. 

Sono queste le idee vincenti che hanno convinto le giurie di Leo Contest e del Rare Desease Hackathon, le due competizioni lanciate nel corso del quarto Forum Sistema Sanità, che si è concluso ieri alla Stazione Leopolda di Firenze. 

Con Leo Contest, 43 studenti universitari – provenienti dalle facoltà di ingegneria, medicina e comunicazione – si sono raggruppati in sei squadre. Il loro obiettivo era impiegare l’Intelligenza Artificiale per creare due figure virtuali – la “Badante on line” e il “Mind helper” – capaci di interagire con il paziente e con il sistema sanitario, così da garantire la possibilità di ricevere assistenza, informazioni, servizi.

Per la prima categoria ha vinto il progetto Sima: un sistema rivolto agli anziani autosufficienti che mette insieme vari servizi, come la calendarizzazione delle cose da ricordare (medicinali da assumere, visite mediche da effettuare), azioni di intrattenimento (come la lettura di audiolibri) e la possibilità di inviare messaggi di richiesta d’aiuto. In pratica, una badante virtuale che ritarda l’ingresso di una badante reale.

Per la seconda categoria, il progetto apprezzato di più è stato Happy mamma 2.0, che partendo da una app già esistente della Regione Toscana, ha creato un sistema di monitoraggio dei fattori prodromici della depressione post partum.

Il progetto Allevia, invece, si è aggiudicato il premio da 5mila euro messo in palio per il Rare Desease Hackathon. Il gruppo di lavoro ha ideato una piattaforma per aiutare i bambini affetti da malattie rare a rimanere connessi con la vita della propria classe. Il sistema consente di tenere aggiornati i docenti sullo stato di salute del bambino, fornendo loro informazioni utili per gestire la patologia. Un blog inoltre agevola la comunicazione tra il paziente, gli insegnanti, la famiglia e gli altri membri della classe.

«In questi due giorni abbiamo visto all’opera la meglio gioventù» ha commentato, durante la premiazione del Leo Contest, Nicola Pinelli, direttore di Fiaso (Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere). «Mettendosi alla prova, questi ragazzi hanno dimostrato che il sistema sanitario è un patrimonio di tutti, e che i giovani sono impegnati a farsi carico della società. Le loro idee sono brillanti. Adesso spetta noi diffonderle affinché qualcuno le noti e le metta in pratica».

Tag
Back to top button
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai