Giornata mondiale contro il fumo, le iniziative messe in campo dalla Regione

Domani, giovedì 31 maggio, si celebra in tutto il mondo la giornata contro il fumo di tabacco. Il fumo, attivo e passivo, rappresenta uno dei più grandi problemi di sanità pubblica a livello mondiale ed è uno dei maggiori fattori di rischio nello sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie.

I dati raccolti dal Centro nazionale Dipendenza e doping dell’Istituto superiore di sanità evidenziano che, nel 2017, in Italia, i fumatori sono 11,7 milioni, vale a dire il 22,3% della popolazione. Tra questi è aumentato il numero delle donne, che da 4,6 milioni del 2016 sono salite a 5,7 milioni; si tratta della differenza minima mai riscontrata tra percentuale di uomini (23,9%) e donne (20,8%). Il 12,2% dei fumatori, inoltre, ha iniziato a fumare prima dei 15 anni.

L’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) calcola che quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo, fra le vittime oltre 600.000 sono non fumatori esposti al fumo passivo.

Il fumo uccide una persona ogni sei secondi ed è a tutti gli effetti un’epidemia fra le peggiori mai affrontate a livello globale. Il totale dei decessi entro il 2030 potrebbe raggiungere quota 8 milioni all’anno e si stima che nel XXI secolo il tabagismo avrà causato fino a un miliardo di morti.

Il fumo in Toscana 

In Toscana, nel 2015, la quota più alta di fumatori è nella fascia di eta 35-49 anni (28,8%), nella quale viene superato il dato dei coetanei italiani (24,8%). In questa fascia la prevalenza di donne fumatrici toscane (26,5%) supera quella delle coetanee italiane (17,9%). Nel 2015 i fumatori sono aumentati del 2,4% rispetto al 2014 e sono saliti al 20,5% degli over 14 anni (contro il 19,9% in Italia). In particolare sono le donne a mostrare un comportamento ancora poco incline all’abbandono dell’abitudine al fumo (dati Ars, Agenzia Regionale di Sanità). In Toscana l’8,8% delle donne in gravidanza ha ancora l’abitudine di fumare.

Ogni anno in Toscana quasi 5.500 decessi sono causati dal fumo di tabacco, dovuti a tumori, in particolare quello del polmone, e a malattie cardiovascolari e respiratorie. 

Le azioni della Regione per la prevenzion e la disassuefazione dal fumo 

“In Toscana si è cercato di mettere in atto, ormai da tempo, politiche di disassuefazione dal fumo – dice l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi -, con il supporto delle aziende sanitarie di riferimento, già a partire dall’età scolare, lavorando sugli stili di vita, con interventi nelle scuole. Cerchiamo soprattutto di agire sul fronte della prevenzione, educando a stili di vita sani, non solo per quanto riguarda il fumo, ma per tutte le dipendenze, la corretta alimentazione, il movimento. Per i fumatori che vogliono smettere, in ogni azienda sanitaria ci sono centri antifumo, trenta in tutta la Toscana”.

Basti pensare al progetto Unplugged, per citarne uno, un programma di prevenzione scolastica di comprovata efficacia nel ridurre il fumo di sigarette, mirando al potenziamento delle abilità individuali.

Si utilizzano appropriate campagne di informazione, diffondendo la lotta al fumo nella comunità, nel mondo del lavoro e anche nella terza età, sempre attraverso il potenziamento dei fattori di protezione (life skills, empowerment).

Auser Toscana, con l’accordo regionale sull’invecchiamento attivo ancora in essere, collabora con le aziende sanitarie per la distribuzione di materiale informativo per la prevenzione delle dipendenze e per scoraggiare l’uso del fumo, garantendo la propria partecipazione a supporto di iniziative dedicate, oltre a mantenere, in tutti i propri circoli, il divieto di vendita del fumo.

Con il WHP (Workplace health promotion) è stato approvato il programma regionale di promozione della salute nei luoghi di lavoro, che incentiva le aziende e gli enti aderenti a offrire ai propri lavoratori opportunità per migliorare la propria salute, riducendo i fattori di rischio generali e in particolare quelli maggiormente implicati nella genesi delle malattie croniche, offrendo con azioni ben definite ed evidence based, opportunità per smettere di fumare e rinviando anche alla professionalità dei 30 centri antifumo delle aziende sanitarie, in cui operano medici, psicologi e personale specializzato.

Smettere di fumare dà infatti un beneficio immediato. Fin da subito la pressione del sangue e i battiti cardiaci tornano alla normalità. Poi, con il passare dei giorni, i bronchi e i polmoni si liberano dal fumo e respirare diventa più facile. Con gli anni si riducono i rischi di tumore ai polmoni e di attacco cardiaco, che ritornano ai livelli dei non fumatori; smettere di fumare non è impossibile, tutt’altro. Per smettere di fumare è senza dubbio essenziale la forza di volontà personale, ma possiamo poi aiutarci con buone prassi come evitare di portare con sé le sigarette, evitare i luoghi dove si fuma, svolgere una regolare attività fisica e rispettare una corretta alimentazione.

Per la giornata di domani, ogni azienda sanitaria ha programmato iniziative specifiche, che si possono trovare sui siti di ciascuna Asl.  Nelle pagine del sito della Regione Toscana dedicate alla dipendenza dal fumo, sono consultabili tutte le iniziative per aiutare a smettere di fumare

Tag
Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai