FIRENZE – Valutare la scuola: si può fare con “Sottosopra”, un innovativo progetto di alternanza scuola-lavoro

Gli studenti “danno i voti” alla scuola: è questo l’oggetto del percorso di alternanza scuola-lavoro “Sottosopra – I voti li danno gli studenti” che in questi primi giorni di gennaio 10 studentesse e studenti del Liceo delle Scienze Umane Elsa Morante di Firenze hanno iniziato presso la società fiorentina reteSviluppo, specializzata in attività di ricerca, valutazione e percorsi partecipativi.

Il progetto, finanziato e patrocinato dall’Autorità regionale per la Partecipazione, ha l’obiettivo specifico di costruire e fornire agli studenti una “cassetta degli attrezzi” per la valutazione partecipata della scuola da parte di loro stessi e dei loro genitori: gli studenti in alternanza s/l elaboreranno dei questionari da somministrare ai propri “colleghi” e ai genitori attraverso una web-app; durante il mese di febbraio, inoltre, i tre plessi scolastici dell’Istituto Morante Ginori-Conti ospiteranno tre laboratori valutativi, che coinvolgeranno oltre 100 persone tra studenti e genitori, gestiti dagli stessi ragazzi formati durante il percorso di alternanza. Il progetto si chiuderà infine durante il mese di marzo, con un evento aperto al territorio, in cui verranno presentati i risultati dell’intero percorso.

Valutare nella scuola vuol dire individuare e ricercare ciò che ha valore per la formazione di ciascuno studente negli apprendimenti, negli insegnamenti, ma anche nell’istituzione stessa. Questo processo solitamente viene effettuato dai professori, dall’alto.- dicono le docenti referenti Lelli e Segoni- Da oggi, grazie al progetto Sottosopra, ideato nella scorsa primavera da reteSviluppo in collaborazione con il nostro precedente DS, Prof.ssa Gabellini, sarà possibile ottenere una visione da parte dell’utenza, che occupa invece il vertice delle nostre priorità. Sarà davvero interessante e stimolante esaminare i risultati, perché, come più volte sostenuto dal pedagogista Gaetano Domenici, la valutazione è una risorsa, a maggior ragione quella effettuata dagli studenti”.

In generale, il progetto Sottosopra consentirà ai 10 ragazzi coinvolti di acquisire competenze specifiche utili per il mondo del lavoro relative agli ambiti della ricerca e della partecipazione. Allo stesso tempo la scuola potrà contare su strumenti di valutazione dei propri processi ed esiti elaborati con il contributo fondamentale dei soggetti che, quotidianamente, animano la vita scolastica.

Questa esperienza rappresenta, per i ragazzi coinvolti, la prima forma di alternanza scuola-lavoro fuori dalle aule scolastiche: complessivamente saranno 50 le ore impiegate all’interno del progetto, su un totale di 200 da realizzare nel corso dell’ultimo triennio di istruzione superiore, così come previsto dalla legge “Buona Scuola”.

Tag

Articoli correlati

Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai