FIRENZE – Spaccio a Bellariva, blitz della Polizia cinofila

FIRENZE – Sono le 17 di ieri ed è pieno giorno quando gli uomini della Prima Squadra Volante sorprendono uno spacciatore all’opera ai giardini di Bellariva. Poco prima gli agenti vengono avvicinati da alcuni residenti che segnalano il fenomeno e senza perder tempo decidono di intervenire subito. Gli operatori parcheggiano le “pantere” nelle strade limitrofe e cominciano a seguire a distanza i movimenti di una persona sospetta, un cittadino marocchino di 35 anni pregiudicato per spaccio. Si tratta di un volto a loro noto, poiché arrestato qualche mese fa proprio dagli stessi operatori.

Lo straniero si siede su una panchina guardandosi intorno poi, dopo qualche istante, si avvicina ad un giovane studente e in pochi attimi avviene lo scambio: un grammo di hashish in cambio di 5 euro. Ad affare concluso l’acquirente va incontro ai poliziotti mentre il venditore, che non si è ancora reso conto di essere osservato, si incammina nella direzione opposta attraversando, come se niente fosse, il parco giochi. Il giovane consumatore viene fermato e segnalato per uso personale di stupefacenti, mentre un’altra pattuglia segue il pusher che va a risedersi sulla panchina in attesa di effettuare un’altra vendita.

A questo punto l’uomo riceve una telefonata, si china e prende qualcosa dietro una siepe, ma in pochi attimi si ritrova circondato dalla Polizia. Per terra, dietro la vegetazione, vengono rinvenuti e sequestrati una decina di grammi di hashish mentre l’infallibile fiuto di Pando, il cane poliziotto, svela un secondo nascondiglio della droga: qualche altra dose, già confezionata, salta fuori da sotto una pietra accanto alla panchina.

Il magrebino finisce in manette con l’accusa di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, reati nello specifico aggravati dal fatto di essere avvenuti nei pressi di scuole e comunità giovanili. Ieri, al termine dell’operazione, alcuni cittadini hanno espresso il loro compiacimento per l’attività della Questura che invita sempre a segnalare tempestivamente ogni anomalia e sospetta attività illecita alle forze dell’ordine.

Tag

Articoli correlati

Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai