AREZZO – Da luglio 2016 tassa di soggiorno sui primi 4 giorni in albergo

Novità dalla giunta del Comune di Arezzo. Da luglio 2016 entrerà in vigore per i non residenti che alloggiano nelle strutture ricettive, l’imposta di soggiorno rivista dal capoluogo aretino

A meno di novità, che potrebbe introdurre la legge di stabilità del Governo facendo slittare la data al 2017, dal primo luglio prossimo il regolamento appena approvato obbligherà a pagare per ogni notte pernottata negli alberghi aretini, fino ad un massimo di 4 notti consecutive.

Grazie agli emendamenti di Caporali e Romizi ci sono state variazioni rispetto al testo originale: diminuiti da 6 a 4 i giorni di applicabilità, esenzione per i minori di 12 anni ed altre esenzioni: coloro che devono effettuare terapie in strutture sanitarie e le persone che li assistono, portatori di handicap non autosufficienti, autisti di pullman e accompagnatori turistici che portano assistenza a gruppi organizzati, forze dell’ordine, vigili del fuoco e operatori di protezione civile che pernottano per ragioni di servizio, studenti iscritti a scuole secondarie e università con sedi nel territorio che soggiornano per motivi di studio.

I due consiglieri comunali a difesa delle loro richieste di modifica si sono rifatti a impostazioni già adottate da molti Comuni italiani, come Bologna e Bari. Francesco Macrì (FdI) attacca la decisione della maggioranza indicando queste misure come città ben diverse da Arezzo, arrivata ai minimi storici in quanto di presenze turistiche:

 “Le amministrazioni precedenti non hanno alimentato la promozione, ci sono state le crisi internazionali, economiche e legate al terrorismo. Il centrodestra inoltre non è favorevole per vocazione a qualsiasi inasprimento fiscale. Gli albergatori saranno poi costretti a sostenere adempimenti burocratici. E pensiamo all’Imu che sopportano le strutture ricettive. Spero che si prenda l’occasione per creare un vero tavolo del turismo per un’autentica promozione e per progetti seri che facciano notare Arezzo nel mondo”.

Queste le dichiarazioni di Paolo Lepri (M5S):

“In passato, dalle precedenti amministrazioni la tassa di soggiorno era sempre stata rifiutata. Prendiamo atto che c’è questo cambio di prospettiva. Fare una tassa di un euro e 50 per tutte le strutture mi pare che violi il principio di gradualità. A Cortona si va da un euro per gli ostelli ai 5 euro per gli alberghi lussuosi. L’impostazione generale della tassa mi pare criticabile anche sulle esenzioni: è questione di volontà politica”. Luca Stella: “la richiesta espressa dagli emendamenti mi pare legittima ma credo che occorra partire, quando si tratto di una nuova imposta, in maniera soft, senza sottoporre gli operatori del turismo a infiniti controlli e adempimenti. Già sono gravati, insistere su questa strada mi sembra al momento inopportuno. In futuro, possiamo ampliare il campo delle esenzioni anche nella direzione indicata dai due consiglieri”.

 

Articoli correlati

Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai