Ancora un’annata difficile per l’olio toscano. Calo nella produzione di circa il 20%

Olio, ancora un’annata difficile: calo della produzione stimato del 20%. Le cause: il freddo intenso, con il vento forte, dei mesi passati a cui si aggiunge ancora l’eco dei danni della siccità dell’estate scorsa.

A soffrire di più, come ci spiega Ritano Baragli (FedAgri​Pesca​- Confcooperative Toscana) , è la varietà di olivo più delicata, il Frantoio. “In inverno abbiamo avuto anche temperature che sono scese giù fino a meno 11 gradi e ciò ha fatto esplodere i vasi linfatici delle piante, di fatto bruciandole e bloccandone la produzione per i prossimi due o tre anni. Sono piante che vanno potate energicamente, riformate”

Meno peggio per altre piante più resistenti, come “Leccino del corno” e il “Moraiolo”, che hanno una resistenza maggiore al freddo.

“Siamo nella fase in cui la fioritura è avvenuta. Abbiamo avuto tanta pioggia e se la temperatura resta fresca non dovrebbero esserci problemi – continua Baragli – Ci sono però zone che ancora fanno i conti con la pesante siccità dell’anno scorso, che ha bloccato la naturale vegetazione della pianta. Ormai sono quasi tre anni consecutivi che le nostre aziende non fanno un raccolto pieno”. 

A ciò si somma un altro fenomeno, più visibile: “Lo stato di abbandono in cui versano molti campi – spiega ancora Baragli –  le aziende non trovano più conveniente investire su piante che non producono e poi manca manodopera specializzata nella potatura”. Capitolo a parte per le zone costiere: “Quest’anno va molto meglio e  si prevede un bel raccolto”

 

Tag

Articoli correlati

Close
Close

Non vendiamo pubblicità invasive

La pubblicità è la nostra unica fonte di guadagno. Disattiva Adblock e vedrai