Home / Ambiente e Agricoltura / VIAREGGIO – La causa del tanfo sono le condizioni climatiche eccezionali di questi giorni
Grossse balle di rifiuti pressati.
Grossse balle di rifiuti pressati.

VIAREGGIO – La causa del tanfo sono le condizioni climatiche eccezionali di questi giorni

Preoccupati in questi giorni i cittadini di Viareggio e di Massarosa: un forte odore di spazzatura sta contaminando l’aria delle due cittadine della Versilia. Non solo nauseati dal puzzo, ma anhe seriamente preoccupati dai rischi sanitari, i citttadini hanno telefonato a centinaia alle autorità per avere spiegazioni e comunicare il fatto.

Il tanfo proviene dagli impianti della Morina, affermano i tecnici dell’ufficio ambiente del Comune di Viareggio. In condizioni climatiche normali non si avvertirebbe alcun odore, mail ribaltamento dei rifiuti  unitamente  al caldo umido, al vento di terra e ai forti sbalzi termici di questi giorni ha favorito la diffusione del cattivo odore. A ciò si aggiunga che il processo di smaltimento dei rifiuti è fortemente rallentato dal maltempo.

L’Assessore all’ambiente della Provincia di Lucca Maura Cavallaro rassicura che è una situazione eccezionale e che non vi sono anomalie: “Non sono emerse situazioni rilevanti tali da rendere necessari interventi sulle aziende” e prosegue “abbiamo subito inviato i nostri tecnici per un sopralluogo. E da quanto ci hanno riferito si evince che le maleodoranze dipendono in gran parte dalle condizioni atmosferiche del periodo con gli sbalzi di temperatura e un alto tasso di umidità che contribuisce a percepire con maggiore evidenza i cattivi odori, nonché dalle difficoltà create dal maltempo nell’allontanamento dei prodotti dell’impianto della Morina”.

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.