Home / Eventi e cultura / É toscano il progetto Mukki che coniuga danza e corretta alimentazione
Ballerina-che-beve-latte_Ph Aurelio Patella

É toscano il progetto Mukki che coniuga danza e corretta alimentazione

Attività fisica e corretta alimentazione sono un binomio fondamentale. Per questo Mukki ha creato un progetto per i giovani ballerini, per parlar loro di corretta alimentazione in maniera stimolante, fornire utili informazioni sui cibi e promuoverne un consumo consapevole.

Il progetto “Mukki Balletto Bianco”, presentato all’ultima edizione di Danzainfiera con madrina d’eccezione Carla Fracci, entra ora nel vivo con la chiamata a tutte le scuole di danza della Toscana a  presentare, entro il 31 luglio, una coreografia ispirata al Balletto Bianco. Le migliori, attraverso una preselezione video, saranno protagoniste del grande spettacolo di chiusura del progetto che si terrà a Firenze il 30 novembre 2014. Una serata all’insegna della danza con grandi ospiti, il cui ricavato sarà interamente devoluto alla Fondazione Meyer.

Alla-sbarra_Ph Aurelio PatellaIl nome del progetto prende spunto dall’atto bianco dei balletti del repertorio classico (il cosiddetto ballet blanche), e associa il bianco dei tutù delle eteree ballerine classiche con il bianco del latte: l’emblema dell’alimentazione naturale e di qualità.

Grazie a “Mukki Balletto Bianco”, gli allievi delle scuole di danza hanno ricevuto 10.000 zainetti insieme a una “miniguida” sulla storia della danza e i suoi stili e con le informazioni sulle proprietà dei cibi e le quantità da assumere quotidianamente. I giovani ballerini hanno avuto uno strumento utile per capire che fare le giuste scelte a tavola significa mantenere in buona salute il proprio corpo e, di conseguenza, migliorare allenamento e performance. Il latte, dunque, è un alimento completo, perfetto per gli atleti e utile in ogni fase della crescita perché contiene tutti i principi nutritivi essenziali.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.