Home / Economia / TOSCANA – Imprese storiche, fallimenti in aumento
crisi economica

TOSCANA – Imprese storiche, fallimenti in aumento

Seimilacinquecento procedure fallimentari nei primi sei mesi del 2013. E’ il bilancio dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza che registrano fra il 2008 e il 2012 hanno registrato la chiusura di circa 9mila imprese. Guai anche per le imprese storiche, quelle con più di 50 anni che anche in Toscana fanno fatica a resistere.

A chiudere i battenti infatti è 1 su 4. Prima del 2008, tra le imprese con piu’ di 50 anni di attività, il dato si fermava a 1 su 5. Un trend che si conferma a livello territoriale anche in Toscana con un aumento dei fallimenti del 33% rispetto all’anno scorso.

Cifre che posizionano la nostra regione al di sopra di Calabria (+ 31%) e Trentino Alto Adige (+ 26%).
L’incidenza dei fallimenti e’ piu’ elevata in Lombardia, dove si sono iscritte tra gennaio e giugno 2013 piu’ di 1400 procedure di fallimento (1,8 imprese su 1000; +7,5% in un anno). In piu’ della meta’ dei casi, si tratta di imprese nate tra il 2000 e il 2009 (2,5 imprese su 1000).

“In questo periodo di difficolta’ il Paese può ripartire da un lato valorizzando la componente giovane dell’imprenditoria attraverso il supporto alle start up innovative e dall’altro salvaguardando le imprese storiche che ne hanno determinato lo sviluppo – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza – Per questo, compito delle istituzioni e’ individuare percorsi e iniziative ad hoc che sostengano il fare impresa nonostante la crisi.”

Marco Palazzi

Fiorentino, 25 anni, si è laureato in Media e Giornalismo all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Sociologia della Comunicazione. Giornalista freelance, collabora dal 2010 con testate di rilievo regionale. Nel 2013 entra far parte della redazione di Toscana News