Home / Ambiente e Agricoltura / TOSCANA: il C.A.I. di Scandicci organizza per Pasquetta un’escursione tra le colline pisane
Veduta del borgo medioevale
Veduta del borgo medioevale

TOSCANA: il C.A.I. di Scandicci organizza per Pasquetta un’escursione tra le colline pisane

Per chi ha voglia di una lunga passeggiata tra le colline pisane per Pasquetta, lunedì 1° aprile,  il Club Alpino di Scandicci organizza un’escursione tra la Val d’Era e la Val di Cecina. Il percorso partirà da Orciano, grazioso borgo medioevale nel Comune di Lajatico (PI) ed arriverà, lungo un crinale collinare,  fino a Montecatini Val di Cecina, l’antichissimo Castrum Montis Leonis di origine romana, tant’è che conservò nella topografia  il nome di Monteleone  fino al 1100: adesso si presenta come un  altro stupendo borgo toscano ed è noto per le miniere di rame della loc. Camporciano, attive fin dall’epoca etrusca, le quali dettero vita alla “Società Montecatini s.p.a.”, ora Montedison, notissima multinazionale del campo minerario; la gita si concluderà infatti con una visita guidata al museo della miniera.

Durante l’escursione saranno attraversate svariate località di interesse turistico ed ambientale: ; il Teatro del Silenzio, spettacolare luogo di rappresentazioni musicali voluto, tra gli altri, da Andrea Bocelli, originario di Lajatico; Borboi, noto per la sua mofeta, particolare attività  geotermica, fonte  naturale di anidride carbonica: essa prende il nome dalla dea Mefite, divinità greca correlata in antichità alla morte per asfissia, probabilmente a causa delle morti di cui in passato è stata responsabile questa formazione vulcanica; la Rocca longobarda di Pietracassia, che da uno sperone roccioso alto 80 metri domina il panorama di tutte le Vallate circostanti, sino a Volterra, agli Appennini ed al mare e perfino, nelle giornate più limpide, l’isola d’Elba: in questa scenica  location è prevista anche la pausa pranzo al sacco; infine, prima di arrivare a Camporciano, si passerà sotto a dei generatori elettrici a energia eolica.

La durata totale della camminata sarà di circa sei ore ed il costo di partecipazione è di 4 euro per i soci C.A.I. e di 11 per i non soci (gratis i minorenni), cui vanno aggiunti 5 Euro per la visita al Museo della miniera e 17 Euro per il viaggio in autobus (8,50 i minorenni); qualora non si raggiungano i 25 partecipanti il trasporto sarà effettuato con mezzi autonomi e le spese della benzina suddivise.

Info e prenotazioni:

 C.A.I. di Scandicci,

Via Pisana 36/b.

Apertura: mercoledì 18:00-19:30; giovedì 21:45-22:45

Mail scandicci@caifirenze.it

Tel: 3209098602

C.A.I. di Firenze

Via del Mezzetta 2/m

Apertura: da lunedì a venerdì 16:00-19:00 e venerdì anche 9:00-13:00

Mail: segreteria@caifirenze.it

Tel 0556120467

Fonte: www.caifirenze.it

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.