Home / Arezzo / Strufoli di Cortona
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Strufoli di Cortona

Gli strufoli di Cortona sono una vecchia ricetta di famiglia insegnata da mio nonno a mia mamma e da mia mamma a me. Gli strufoli di Cortona sono un dolce caratteristico del periodo di Carnevale.

Questa è la ricetta degli strufoli fritti di Carnevale come li faceva mio nonno che era originario di Cortona. La caratteristica degli strufoli aretini è indubbiamente l’aggiunta di Vinsanto nell’impasto, in alcune ricette ho visto la presenza dell’anice, qui non lo troverete, son sicura che mio nonno non usasse tale ingrediente per cui l’ho omesso. Quelli che faceva mio nonno erano davvero buonissimi, io ho cercato di ricrearli, visto che li faceva ad occhio, per cui le dosi esatte mi sono rimaste sconosciute.

Devo però ammettere che gli strufoli fritti che preparava mio nonno  avevano un sapore ed una sofficità davvero unici, da piccina me ne facevo grandi scorpacciate, i miei purtroppo non avranno più tale sapore, ma non per questo non sono buoni!

Ricetta strufoli di Cortona:

Ingredienti

  • 300 g di farina
  • 2 uova intere
  • 100 g di zucchero
  • 1/2 bicchiere di vinsanto
  • 2 cucchiai d’olio EVO
  • la buccia grattugiata di un’arancia bio
  • 1 bustina di essenza vaniglia
  • 1 bustina di lievito
  • Olio di semi di girasole per friggere
  • zucchero a velo per cospargere

Lavate accuratamente l’arancia. Su una spianatoia disponete la farina setacciata con zucchero e lievito a fontana, nel centro aggiungere le uova, il vinsanto, l’olio e la buccia grattugiata dell’arancia. Impastate fino ad ottenere una palla di pasta liscia ed omogenea. Nel frattempo preparate una padella dai bordi alti, riempitela di olio e fategli prendere temperatura.

Mentre l’olio si scalda preparate dei serpentelli di pasta e tagliateli della lunghezza di un paio di centimetri. Fate la prova dello stecchino, se si formano le bollicine l’olio è pronto! Mettete a friggere i vostri strufoli avendo cura di schiacciarli al centro, affinchè si cuociano perfettamente, lasciateli dorare da entrambe le parti, scolateli e metteteli ad asciugare su carta assorbente. Trasferiteli in una ciotola spolverizzando con un mix di zucchero e zucchero a velo.

In Umbria li preparano cosparsi miele e di codette colorata, alcuni li ho preparati proprio in tal maniera.

Beatrice Rossi

Beatrice, 33 anni. Collabora con Reato d'Opinione per cui tiene la pagina di Storia dell' Arte, in cui è laureata, è food blogger di successo sul suo seguitissimo www.beatitudiniculinarie.it dove racconta le sue ricette in un lungo viaggio alla ricerca di nuovi e vecchi sapori. Artista non solo dei fornelli, nel tempo libero oltre a cucinare ama leggere, disegnare e dedicarsi all'artigianato artistico per cui è creatrice e venditrice.