Home / Politica / Siena si Muove – Tuteliamo Banca e Fondazione MPS: ‘No alle politiche di esternalizzazione dei lavoratori’
sienasimuove
sienasimuove

Siena si Muove – Tuteliamo Banca e Fondazione MPS: ‘No alle politiche di esternalizzazione dei lavoratori’

”Siena si muove” assiste con grande preoccupazione alla convergenza d’intenti tra i collaboratori stretti di Bruno Valentini e il presidente della banca Alessandro Profumo per abbattere il tetto del 4% relativo al peso specifico di ciascun azionista nell’esercizio del diritto di voto all’assemblea dei soci MPS. Una sintonia che consegna a Profumo carta bianca per decidere le sorti della banca e dei lavoratori e che testimonia il ruolo di subalternità di Bruno Valentini nei confronti del presidente.

La responsabilità degli errori compiuti – i cui frutti avvelenati sono stati squadernati nei mesi scorsi sui media nazionali con grande enfasi – ricade essenzialmente sul PD, e il non aver voluto affrontare in tempo una coerente e trasparente discussione sul ruolo della fondazione come azionista della banca ha indebolito patrimonialmente la stessa fondazione, oltre a consentire ogni libertà alla pessima gestione di MPS. L’arroccamento della Fondazione al 51%, cavallo di battaglia di Franco Ceccuzzi nella campagna elettorale di due anni fa, si è rivelato essenzialmente uno stratagemma per controllare il consenso e utilizzare la banca per meri scopi politici.

È indubbio che in questo momento la banca necessiti di una spinta forte per risollevarsi, ma in direzione contraria a quella voluta da Profumo. Occorrono garanzie per la clientela e per i lavoratori, mentre la città necessita di un rinnovato rapporto tra fondazione e banca, tra banca e territorio. Ogni seria riflessione sull’argomento deve partire da due inderogabili presupposti: bloccare il piano delle esternalizzazioni e preservare il tetto del 4%. Ci sembra infine naturale che un eventuale nuovo socio della banca debba essere scelto in accordo con l’azionista Fondazione MPS, non in base alle esigenze del presidente della banca.

Chiediamo ai senesi di respingere le velleità di Valentini e di esprimere un voto di radicale rottura con il passato a sostegno della nostra lista e di Laura Vigni, per un Comune davvero autorevole e per una Fondazione libera, non più vittima di accordi sottobanco.

fonte: Siena si muove

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.