Home / Eventi e cultura / SIENA – La nuova stagione alla Corte dei Miracoli: formazione, cultura, sociale
Corte dei Miracoli
Corte dei Miracoli

SIENA – La nuova stagione alla Corte dei Miracoli: formazione, cultura, sociale

Sabato la tradizionale festa di rientro con musica, spettacoli e la possibilità di sperimentare i diversi corsi proposti

Quindici anni e non sentirli. Riparte cosi, con un’offerta formativa e culturale se possibile ancor più ampia e differenziata, la stagione del Centro Culture Contemporanee Corte dei Miracoli divenuto oramai punto di riferimento imprescindibile per la realtà senese e toscana con quel mix di libera creatività e servizi sociali che lo ha reso negli anni uno spazio unico nel suo genere. Sabato prossimo (5 ottobre) la tradizionale festa di rientro che segna “ufficialmente” l’avvio della nuova stagione. A partire dalle 17:30 fino alle 20:00 sarà possibile immagine Corte ridottaeffettuare una lezione di prova o assistere ad una piccola dimostrazione tenuta dai diversi insegnanti per illustrare i contenuti dei corsi proposti. Per i più piccoli la possibilità di sperimentare le diverse attività a loro dedicate e di assistere allo spettacolo teatrale “Más allá de los sueños (oltre i sogni)”, a cura di Mani di Luce, che mette in scena un testo simbolico e drammaturgico usando marionette e ombre cinesi. A partire dalle 20:00 apericena di autofinanziamento: bevande e cibo saranno accompagnate dalla selezione musicale curata da dj Sasha e dall’esibizione delle Bandidas, orchestra di percussioni tutta al femminile.

Anche quest’anno donne e uomini, studenti, bambini ed anziani non avranno difficoltà a trovare, tra i tanti corsi proposti, le attività che più affascinano o incuriosiscono: dallo yoga al teatro, dal judo all’hip hop, passando per la danza indiana e contemporanea, il pilates e la fotografia, la meditazione e la biodanza, le officine musicali e delle arti, il metodo Feldenkrais e l’accademia della moda. Anche per questo, per dare a tutti la possibilità innanzitutto di sperimentare, si potrà usufruire, in qualsiasi momento dell’anno, di una prima lezione dimostrativa gratuita. Proseguirà poi lo sforzo della Corte dei Miracoli per garantire il dialogo e l’integrazione, la promozione e la tutela dei diritti di cittadinanza, attraverso diverse attività gratuite appositamente pensate per le fasce più deboli della popolazione.maresa Uno sforzo che trova la sua massima espressione nella Scuola di Italiano (a cura dell’associazione S.C.U.O.L.A.) che offre la possibilità, a tutti i cittadini immigrati sul nostro territorio, di usufruire gratuitamente di corsi di lingua e cultura italiana, attività laboratoriali, percorsi formativi e progetti specifici. Senza dimenticare lo sportello informativo e di orientamento ai servizi socio-sanitari della città, “Benvenuti!”. In quest’ottica di apertura al dialogo tra le diverse culture, la Corte dei Miracoli accoglie al suo interno diverse associazioni e comunità straniere operanti sul territorio.

Ed infine l’ambito artistico e culturale: sono numerosi infatti gli spettacoli di danza, teatro e musica che verranno proposti al pubblico nell’arco della stagione. D’altronde l’attenzione particolare alla valorizzazione di giovani talenti e alle realtà più interessanti del panorama culturale italiano e non solo, hanno portato in questi anni la Corte dei Miracoli a diventare un punto di riferimento sia nel campo della sperimentazione dei nuovi linguaggi che delle innovazioni all’interno di una tradizione artistica consolidata. Tra le varie iniziative già in programma nelle prossime settimane, una serie di incontri legati al tema degli spazi urbani: un’indagine sulla città in cui viviamo, una riappropriazione degli spazi attraverso laboratori pubblici e confronto di esperienze personali. Dal 25 al 27 ottobre torna poi Camino Flamenco, un appuntamento oramai fisso e che nelle passate edizioni ha registrato un notevole riscontro di partecipanti e pubblico. Dal punto di vista musicale, infine, già l’anno scorso e stata presentata, con grande successo, una stagione di eventi gestita dal gruppo “Horn Ok Please!”, il cui progetto proseguirà anche quest’anno con un’ulteriore apertura alle band più interessanti del nostro territorio e alle avanguardie artistiche.