Home / Eventi e cultura / SIENA – Alla Corte dei Miracoli il rock di qualità degli Ottone Pesante 
ottone 1

SIENA – Alla Corte dei Miracoli il rock di qualità degli Ottone Pesante 

Il trio ha collaborato, tra gli altri, con Calibro 35, Baustelle e Pat Mastelotto. Aftershow curato da dj Magma  

ottone 2
Sarà il super gruppo Ottone Pesante a scuotere pesantemente, sabato sera (21 novembre), il palco della Corte dei Miracoli. L’ottone è una lega di metalli e la chimica fra Paolo Raineri, Francesco Bucci e Simone Cavina si basa, allo stesso modo, sulla straordinaria forza che la loro interazione va a creare.

L’ottone è anche il materiale che compone due dei tre strumenti che sentirete in azione: tromba, trombone e batteria – dritti al punto, fra Slayer e Meshuggah, fra violenza pura e tecnica sopraffina. Un’operazione allo stesso tempo viscerale e filologica, suonata da musicisti di altissimo livello le cui radici affondano in miniere di Metallo ricche e profonde, lontane dall’essere una semplice infatuazione giovanile. In tanti hanno giocato col Metallo, non tutti se lo possono permettere e il suo pubblico lo sa. Loro lo sanno, noi lo sappiamo, tu che leggi lo sai.

ottone 3Per chi avesse bisogno di un pedigree, i tre hanno collaborato, a titolo personale o collettivo, con Calibro 35, Esecutori di Metallo su Carta con Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro, Pat Mastelotto (batterista dei King Crimson), Iosonouncane, Baustelle e molti altri. L’ep Ottone Pesante è uscito il primo novembre per B.R.ASS – SoloMacello – ToomiLabs.
A seguire aftershow a tutto rock con dj Magma.

La serata aprirà alle ore 22.
Ingresso 2€, gratis fino alle ore 23.

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.