Home / Cucina / Sformati di zucca su fonduta di pecorino al tartufo nero
zucca e tartufo
zucca e tartufo

Sformati di zucca su fonduta di pecorino al tartufo nero

Un secondo vegetariano o un entrèe raffinato, sformati di zucca

Un’armonia di sapori dove il dolce della zucca è mitigato dal gusto deciso del pecorino ed il tutto esaltato dal profumo del tartufo. La preparazione è molto semplice come potete notare, quindi alla portata di tutti.

Ingredienti:

  • 500 g di zucca gialla,
  • 1 cipolla rossa
  • 200 ml di besciamella solida,
  • 1 uovo,
  • sale, pepe, noce moscata
  • 100 g di pecorino a buccia rossa
  • 1 cucchiaio di mascarpone
  • 10 g di tartufo nero

Pulite la zucca togliendo la buccia e tagliatela a tocchetti di piccole dimensioni. Sbucciate la cipolla a affettatela finemente, mettete a soffriggere cipolla e zucca in una padella, insieme a 3 cucchiai d’olio. Fate rosolare bene entrambe e poi aggiungere mezzo bicchiere d’acqua.

Salate e lasciate cuocere per una ventina di minuti, fino a quando la zucca non sarà morbidissima.

Schiacciate la zucca con una forchetta, poi aggiungere la besciamella, l’uovo, il pepe e la noce moscata. Ungere una teglia da muffins e distribuire il composto negli stampini. Infornate per circa 20 minuti a 180° in forno statico. Nel frattempo preparate la fondue grattugiando il pecorino e mettendolo a sciogliere con un cucchiaio di mascarpone.

Quando gli sformati saranno pronti mettete nel piatto un cucchiaino di fondue e adagiatevi sopra lo sformato, una grattugiata  (io a dir la verità ho preferito delle scagliette) di tartufo nero ed è pronto da servire!

Beatrice Rossi

Beatrice, 33 anni. Collabora con Reato d'Opinione per cui tiene la pagina di Storia dell' Arte, in cui è laureata, è food blogger di successo sul suo seguitissimo www.beatitudiniculinarie.it dove racconta le sue ricette in un lungo viaggio alla ricerca di nuovi e vecchi sapori. Artista non solo dei fornelli, nel tempo libero oltre a cucinare ama leggere, disegnare e dedicarsi all'artigianato artistico per cui è creatrice e venditrice.