Home / Cucina / SECONDI – Polpettone ripieno
polpettone-ripieno
polpettone-ripieno

SECONDI – Polpettone ripieno

Penso che ormai tutti conoscano, i vari siti di coupon come Groupon e Groupalia per citare due tra i più famosi. Negli ultimi giorni proprio sfruttando uno di questi buoni siamo andati con una coppia di amici in un bel ristorante a Fiesole, da dove si gode una meravigliosa vista di Firenze. Peccato che la qualità del cibo sia poi appena appena sufficiente.

Almeno per quel che riguarda le pizze, leggendo su 2spaghi a quanto pare la qualità di tutto il resto è anche peggio. Mi si spezza il cuore… a me lavorare in un ristorante piacerebbe, per quanto possa essere stressante e faticoso. Se poi hai la fortuna di avere un bellissimo locale, ma bello davvero… perché sciuparlo servendo pietanze di scarsa qualità?

E’ proprio vero che chi ha il pane non hai denti e chi ha i denti non ha il pane.

Per 4 persone:

  • 350 g di tacchino macinato
  • 1 uovo
  • 3 cucchiai di latte
  • 80 g di parmigiano qb
  • olio qb
  • prezzemolo qb
  • pangrattato qb
  • 3 fette di mozzarella
  • 3 fette di prosciutto
  • 100 g di bietole (o spinaci) lessi e ben strizzati

Amalgamare il tacchino con l’uovo, il latte, il prezzemolo, il parmigiano,un pizzico di sale e di pepe. Stendere l’impasto sulla carta da forno e adagiarvi le verdure lessate, il prosciutto e la mozzarella. Avvolgere il polpettone con cautela, chiudendo le estremità. Ricoprire di pangrattato cospargere con un po’ di olio. Infornate a 180° per una trentina di minuti circa. Lasciate freddare una decina di minuti almeno prima di affettarlo!

fonte: Beatitudini in Cucina

Beatrice Rossi

Beatrice, 33 anni. Collabora con Reato d'Opinione per cui tiene la pagina di Storia dell' Arte, in cui è laureata, è food blogger di successo sul suo seguitissimo www.beatitudiniculinarie.it dove racconta le sue ricette in un lungo viaggio alla ricerca di nuovi e vecchi sapori. Artista non solo dei fornelli, nel tempo libero oltre a cucinare ama leggere, disegnare e dedicarsi all'artigianato artistico per cui è creatrice e venditrice.