Home / Eventi e cultura / Sandra Tomboloni, Homeless 2013, oggetti senza tetto
Pontassieve
Pontassieve

Sandra Tomboloni, Homeless 2013, oggetti senza tetto

L’arte che nasce dai rifiuti. Dal 19 settembre al 10 novembre polo Espositivo Casa Rossa – Via Sanzio a Pontassieve (FI)

Giovedì 19 settembre alle ore 17,30 al Polo Espositivo di Casa Rossa (Via Sanzio, Pontassieve) sarà inaugurata la mostra di Sandra Tomboloni dal titolo Homeless 2013 – Oggetti senza tetto.

Opere che nascono dai rifiuti, originali creazioni di un artista del nostro territorio che persegue un’idea di arte innovativa. L’idea che sta alla base dell’intero progetto è lo spreco, gli oggetti gettati che non hanno più un tetto o un’appartenenza, che nessuno vuole più e che continuano ad ammucchiarsi nelle nostre discariche. Gli “oggetti senza tetto” per cui Sandra però non nutre disprezzo, ma se ne sente attratta perché nel rifiuto è insito anche il significato di ciò che la società esclude ed emargina; un tema quest’ultimo che tocca nel profondo la sensibilità dell’artista.

homelessUna dozzina di opere che insieme ad un’installazione video di Gianni Ricci trasformerà Casa Rossa in un laboratorio di arte contemporanea per una mostra che va oltre alla semplice esposizione, ma è un progetto che raccoglie al suo interno anche un percorso didattico rivolto alle scuole.

Saranno circa 200 i ragazzi che verranno coinvolti tra gennaio ed aprile del prossimo anno all’interno dei percorsi di Educazione Ambientale di AER Spa grazie alla collaborazione con il “Progetto Homeless”.

Le scuole in cui saranno realizzati i laboratori sono quelle dell’infanzia e la primaria, sia del capoluogo che delle frazioni, da Molino del Piano a Montebonello e Sieci.

Fare cultura in questo caso – spiega Alessandro Sarti, assessore alle politiche culturali del Comune di Pontassieve – valorizza artisti del territorio come Sandra Tomboloni, che espone esporre in uno dei luoghi più aperto alla contemporaneità. Tutto il progetto grazie alla rete di associazioni che lo promuovono ha il grande valore aggiunto: l’impronta ecologica che lo anima.

Sandra Tomboloni, in questo progetto infatti non è stata sola, insieme a lei, si è unito un gruppo di associazioni e partner tra cui AER Spa, Fotoincisione Tanini, Associazione culturale Spazio Off, Biagiotti Progetto Arte, associazione Arte in erba e Associazione Mooma che sostengono il progetto e collaborano alla realizzazione e alla organizzazione.

All’inaugurazione – Giovedì 19 settembre ore 17,30 – saranno presenti oltre all’artista, Stefania Gori, critica d’arte, Tiziana Torri, dirigente scolastico del circolo didattico di Pontassieve, Silvano Longini, presidente AER spa, Marco Mairaghi, sindaco di Pontassieve, Alessandro Sarti, assessore alle politiche culturali e Leonardo Pasquini assessore all’ambiente di Pontassieve.

La mostra è visitabile dal venerdì alla domenica dalle ore 16 alle 19. Info: 055/8360343-344

Sandra Tomboloni: Nata a Pelago nel 1961. Vive e lavora a Firenze. Principali mostre personali: Trasmigrazioni, Galleria Biagiotti, Firenze, 2011; Fiabe in scatola. Prezzemolina, Centro culturale Villa Smilea, Montale Pistoia; Between and underneath, Cantieri goldonetta, Firenze 2005; Lost and Found, Hudson Valley Center for contemporary art, Peeksil, New York, 2004; Mostra Laboratorio Centro Pecci, Prato 2004. Principali mostre Collettive: Reverence, Hudson Valley Center for contemporary art, Peeksil, New York, 2006; Minyones, Scuola elementare Sacro Cuore, alghero, 2004; Small Treasures, Galleria Biagiotti Progetto Arte, Firenze, 2004; 20 Artiste italiane nel Ventesimo Secolo, Palazzo Mediceo di Seravezza, Lucca 2003.

fonte: Comune di Pontassieve