Home / In evidenza / Saccardi: ‘Utilizzato il payback per curare meglio i cittadini toscani’
Stefania Saccardi

Saccardi: ‘Utilizzato il payback per curare meglio i cittadini toscani’

“Utilizzando il payback, la Regione Toscana ha fatto una precisa scelta politica, che io condivido in pieno, anche se allora non ricoprivo questo incarico. Ha deciso che questi 70 milioni si potevano e si dovevano spendere per la salute dei cittadini. Non è un artificio contabile. E’ una scelta forte, che ha consentito di curare 450 persone in più per l’epatite C, rendere gratuito il vaccino contro il meningococco B per i bambini e altrettanto gratuito quello contro il meningococco C, per la campagna vaccinale che abbiamo varato”.

Così l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi ha spiegato stamani all’aula, nel corso della seduta del Consiglio regionale dedicata alla variazione di bilancio 2016, la scelta di destinare alle cure per i cittadini una parte del payback della spesa farmaceutica ospedaliera (il payback è una sorta di rimborso che le case farmaceutiche devono corrispondere alle Regioni a seguito del superamento dei tetti di spesa farmaceutica ospedaliera, determinati dalle norme sulla spending review).

“Il payback non è un’invenzione della giunta regionale toscana – ha chiarito Stefania Saccardi -, è previsto da una legge, la 135 del 2012. E che il payback per il 2015 sia per la Toscana di 115 milioni lo dice una lettera di Aifa (Agenzia italiana del farmaco). Sulla quantificazione, si è aperto un contenzioso tra Aifa e aziende farmaceutiche. Per sanare questo contenzioso, il governo ha sbloccato questa situazione di stallo, autorizzando le Regioni a iscrivere nei propri bilanci il 90% del payback. Dei 115 della Toscana, noi ne abbiamo utilizzati 72, per curare di più e meglio le persone. Per esempio, per la cura dell’epatite C, costosissima ma in grado di salvare la vita alle persone: nel 2015 erano preventivati 1.750 pazienti, ne abbiamo curati 2.192, e così abbiamo salvato 450 persone in più. Salvare le persone dal la morte è una priorità, non un giochino da campagna elettorale. Rivendico questa scelta, come anche quella di dare gratuitamente il vaccino contro il meningococco B ai nati dal 2014 in poi. Stesso discorso per la campagna vaccinale contro il meningococco C”.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.