Home / Cronaca / RIFIUTI – Prato base camorrista del traffico internazionale?
rifiuti

RIFIUTI – Prato base camorrista del traffico internazionale?

PRATO – La città di Prato si sveglia in mano alla camorra. No, non è la location del nuovo best seller di Roberto Saviano, bensì quanto pare stia emergendo dall’inchiesta sul traffico illecito di rifiuti plastici e abiti usati e su un episodio di estorsione che ha portato all’arresto di Vincenzo e Ciro Ascione, padre e figlio, titolari di una ditta di Prato. Ai due (Ciro è in carcere, mentre Vincenzo risulta essere all’estero) sarebbe stato anche contestato il reato di usura, aggravato dall’aver agevolato un clan della camorra di Ercolano.

traffico rifiuti camorra Prato

Il Corpo Forestale dello Stato ha condotto l’inchiesta della Dda

CRIMINALITÀ ORGANIZZATA – Secondo l’inchiesta della Dda (Direzione distrettuale antimafia) di Firenze, e condotta dal Corpo Forestale dello Stato e dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in Toscana, Abruzzo, Campania, Veneto, Lombardia, Lazio, Umbria, Trentino, Liguria e Emilia-Romagna, si ritiene che gli Ascione siano esponenti della criminalità organizzata. Infatti, in passato Vincenzo fu arrestato, ma poi assolto in appello, per l’omicidio a Montemurlo di Ciro Cozzolino nel 1999 per vicende legate al commercio degli abiti usati. L’estorsione, invece, riguarderebbe un prestito di 100.000 euro con tasso al 36% fatto nel 2008 a due fratelli in difficoltà economiche, titolari di un autosalone, uno dei quali si è suicidato lo stesso anno.

RIFIUTI E ABITI USATI – In tutto sono una sessantina gli indagati perché, secondo l’inchiesta, avrebbero organizzato traffici illeciti di rifiuti plastici (che venivano poi riciclati) verso la Cina e di rifiuti tessili verso la Tunisia. La cosa che indigna maggiormente è che, per quanto riguarda quest’ultimo punto, venivano trafficati anche gli abiti usati all’insaputa delle associazioni umanitarie che li raccoglievano. Senza i dovuti trattamenti igienico/sanitari, questi vestiti venivano rivenduti in Nord Africa o addirittura nel mercato del vintage in Italia.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.