Home / Cronaca / Restituite alla Diocesi di Arezzo due antiche specchiere rubate a Montecchio nel marzo del 2008
specchiera arezzo
specchiera arezzo

Restituite alla Diocesi di Arezzo due antiche specchiere rubate a Montecchio nel marzo del 2008

L’operazione è stata realizzata dal Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri di Cosenza

Il Tribunale di Cosenza ha disposto la restituzione al legittimo proprietario di due antiche specchiere appartenenti alla parrocchia di Montecchio, nei pressi di Cortona, rubate nel marzo del 2008. Le opere sono state ritrovate grazie al lavoro del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri di Cosenza che le aveva notate in una fiera antiquaria della città calabrese, nel novembre del 2008. A insospettire i militari, la qualità della fattura delle cornici dorate.

È stato facile verificare, grazie alla banca dati dei beni d’arte illecitamente sottratti in possesso dell’Arma e alla schedatura delle opere portata avanti dalla Diocesi, la forte corrispondenza con le cornici asportate dalla chiesa del cortonese. Anche la verifica effettuata dai Carabinieri con il parroco di Montecchio, ha confermato la provenienza delle due specchiere. In seguito, per una maggiore cura delle investigazioni, sono stati fatti eseguire accertamenti tecnici ripetibili – non invasivi – di tipo diagnostico sulle cornici ad opera di personale del Laboratorio di Restauro della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria che hanno confermato l’ipotesi investigativa.

I Carabinieri ritengono verosimile che il furto sia stato eseguito da persone dell’Aretino e che solo dopo una serie di passaggi abbiano raggiunto l’antiquario calabrese.

 

fonte: Ufficio Stampa diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.