Home / Ambiente e Agricoltura / La Regione stanzia i primi 5 milioni di euro per i danni del nubifragio dello scorso finesettimana
danni nubifragio toscana

La Regione stanzia i primi 5 milioni di euro per i danni del nubifragio dello scorso finesettimana

Cinque milioni di euro stanziati dalla Regione con una legge approvata ieri mattina in Consiglio, come contributo straordinario di solidarietà alle vittime del nubifragio che si è abbattuto su ventinove Comuni toscani lo scorso fine settimana.

Tra venerdì 19 e sabato 20 settembre infatti sulle Province di Lucca, Firenze, Pisa, Pistoia e Prato si è scatenata una forte ondata di maltempo, con nubifragi, grandinate eccezionali e trombe d’aria con venti ad oltre cento chilometri orari. I danni lasciati dalla perturbazione hanno portato la Regione a dichiarare lo stato di emergenza e chiederne il riconoscimento allo Stato, a cui spetterà trovare i fondi per gli indennizzi e gli interventi di ripristino.

Questi cinque milioni sono solo il primo contributo stanziato per far fronte alle spese più urgenti, e come afferma il Presidente Enrico Rossi “Un contributo sociale: un primo aiuto e un segno di vicinanza. Ogni famiglia non potrà ricevere più di 5 mila euro, ma sui criteri e le modalità di assegnazione decideranno i singoli Comuni. Le risorse saranno ripartite proporzionalmente alle segnalazioni di danno che arriveranno dai territori e potranno sommarsi ad altri contributi pubblici eventualmente attivati”.

Lo stanziamento riguarda non solo i danni causati dal maltempo dello scorso finesettimana, ma anche quelli causati dalla perturbazione dello scorso 21-22 luglio che aveva causato frane, smottamenti ed allagamenti causando l’isolamento di alcune frazioni tra le province di Pisa e Firenze.

Dei cinque milioni stanziati, un milione e mezzo è riservato agli enti locali per le spese di soccorso e i lavori di estrema urgenza. In particolare è stata duramente la zona del circondario empolese, tra cui il Comune di Cerreto Guidi dove si è recato in sopralluogo il Presidente Rossi. Altri tre milioni e mezzo sono destinati invece alle famiglie con un Isee fino a 36 mila euro l’anno, l’indicatore che misura reddito e ricchezza in rapporto al numero dei componenti.

Francesco Acciai

Nato a Bibbiena, paese più grande del Casentino in Provincia di Arezzo nel 1985. Vive a Firenze da oltre 7 anni e si occupa di Pubblica Amministrazione, di Web Grafica e SEO. Appassionato di fotografia e del mondo Android, segue costantemente l'evolversi di tutto quello che è tecnologia