Home / Cucina / Spaghetti alla Mimosa di Bosco, un primo piatto diverso
spaghetti speck e funghi
spaghetti speck e funghi

Spaghetti alla Mimosa di Bosco, un primo piatto diverso

Sperimentare quando si hanno ospiti è sicuramente una di quelle cose che mi riesce veramente bene. Questa pasta unisce al profumo di bosco e di montagna la calda tonalità della mimosa. Io ho scelto gli spaghetti ma si adatta benissimo anche alle tagliatelle o alle penne!

Dosi per 4 persone:

  • 350 gr di spaghetti
  • 120 gr di speck dell’Alto Adige
  • 150 gr di funghi finferli (o porcini, ma mi piacciono meno essendo troppo molli, al massimo meglio gli champignon)
  • 225 ml di panna da cucina
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 scalogno piccolo
  • 1 spicchio d’aglio
  • Olio EVO q.b.
  • Vino bianco q.b
  • Salvia per decorare

Tagliate lo scalogno e l’aglio a pezzetti e metteteli a soffriggere in una padella con 1 cucchiaio d’olio per 5 minuti. Nel frattempo lavate e tagliate i finferli e metteteli a rosolare nella padella insieme all’aglio e scalogno.

Cuocete per circa 10-15 min aggiungendo mezzo bicchiere d’acqua e sfumate poi con il vino. Da ultimo aggiungete lo speck tagliato a cubetti se avete preso il pezzo o a striscioline se avete le fettine. Lasciatolo rosolare per 2-3 min, non di più o si seccherà!

Lessate gli spaghetti e scolateli un paio di minuti prima del tempo indicato nella confezione, in modo che siano al dente. Versateli nella padella e fatela saltare con lo speck ed i funghi, da ultimo aggiungete la panna e lo zafferano. Sfornate e servite con grana grattugiato e se volete pepe e decorate con la salvia!

fonte: Beatitudini in Cucina

Beatrice Rossi

Beatrice, 33 anni. Collabora con Reato d'Opinione per cui tiene la pagina di Storia dell' Arte, in cui è laureata, è food blogger di successo sul suo seguitissimo www.beatitudiniculinarie.it dove racconta le sue ricette in un lungo viaggio alla ricerca di nuovi e vecchi sapori. Artista non solo dei fornelli, nel tempo libero oltre a cucinare ama leggere, disegnare e dedicarsi all'artigianato artistico per cui è creatrice e venditrice.