Home / Cronaca / PRATO – Sacrilegio in Chiesa, distrutti 2 crocifissi
Chiesa di San Bartolomeo a Prato

PRATO – Sacrilegio in Chiesa, distrutti 2 crocifissi

PRATO – Le Chiese di San Pier Forelli e di San Bartolomeo (quest’ultima nella foto) sono state colpite da un vandalo, probabilmente uno squilibrato, che avrebbe distrutto due crocifissi. I fatti sono accaduti oggi a Prato tanto che la Diocesi ha ordinato l’immediata chiusura di tutte le Chiese del centro per evitare altri possibili attacchi. Ingentissimi i danni, soprattutto per quanto concerne il crocifisso della Chiesa di San Bartolomeo, situata in piazza Mercatale, che risale al XIII secolo. Sul caso stanno indagando i Carabinieri.

Il vicario generale, monsignor Nedo Mannucci, ci va poco per il sottile. «Dolore e costernazione sono i sentimenti dei cattolici pratesi appresa la notizia degli attacchi sacrileghi al Crocifisso di San Leonardo da Porto Maurizio in San Pier Forelli e a quello miracoloso di San Bartolomeo sul Mercatale. Si tratta davvero di una violenza inaudita: mai si era avuta notizia, almeno dalle nostre parti, di un attacco così violento e reiterato contro i Crocifissi. La Chiesa di Prato è colpita profondamente al cuore della fede in Gesu’ morto sulla Croce e risorto».

In una nota della Diocesi, monsignor Mannucci fa notare delle coincidenze. «Ieri la chiusura comunitaria dell’Anno della fede, avvenuta in Duomo; oggi il primo anniversario dell’episcopato pratese del Vescovo Franco Agostinelli; domani, la festa liturgica di San Leonardo da Porto Maurizio, il grande francescano che uso’ una delle due statue oggi rovinate nelle sue predicazioni. Il nostro dolore e la profonda costernazione sono acuiti dal fatto che le due statue lignee così gravemente sfregiate sono tra le opere più care all’antica devozione pratese, tanto che non sembra casuale la loro scelta per questo sacrilegio».

Marco Gargini

Già firma de “il Corriere di Firenze”, “il Nuovo Corriere di Prato”, “il Vostro Quotidiano”, ha collaborato anche con “ItaliaCalcioa5.it”. È stato radiocronista per “Radio Antenna Toscana 1” e “Radio Bruno” e inviato sui campi dilettantistici di calcio a 5 per “Rete 37”. Appassionato di sport e catalanista, nel 2010 è stato nominato ambasciatore in Toscana per la Plataforma Pro Seleccions Esportives Catalanes.