Home / Eventi e cultura / PRATO – Giornata di studi all’Auditorium Centro Pecci: ‘I 5 tesori nascosti’
5 TESORI Prato

PRATO – Giornata di studi all’Auditorium Centro Pecci: ‘I 5 tesori nascosti’

Giovedì 30 Maggio, dalle 9:30

Giornata di studio a conclusione del progetto “I 5 tesori nascosti” , che per l’ anno 2012/2013 ha visto coinvolti 5 musei toscani, partendo proprio dal Centro per l’ Arte Contemporanea Luigi Pecci per poi spostarsi al Museo Stibbert di Firenze, al Museo Archeologico di Artimino, al S. Maria della Scala di Siena, al Museo Marini di Firenze per ritornare infine al Centro Pecci.

Uno dei punti di forza e di originalità del progetto, che si è avvalso dell’importante contributo della Regione Toscana, ha consistito nella formula inconsueta della visita-spettacolo, messa validamente in atto dalla Compagnia Teatrale Piccoli Principi, ma anche nella capacità di modificare l’immagine che il pubblico ha del museo rendendolo luogo della scoperta e della conoscenza, senza per questo escludere il piacere della sorpresa e del gioco.

La giornata di studio servirà a tracciare un bilancio di questo progetto ed eventuali prospettive future.

PROGRAMMA:

  • 9,30 – 9,50 — saluti e introduzione — Elena Pianea Regione Toscana
  • 9,50 – 10,20 — proiezione video riassuntivo de “i 5 Tesori nascosti”
  • 10,20 – 10,40 — pausa
  • 10,40 – 11,00 — le scelte narrative ed estetiche — Alessandro Libertini, Véronique Nah Compagnia Teatrale Piccoli Principi
  • 11,00 – 11,20 — le motivazioni dei musei:azioni comunicative, strategie condivise — Riccardo Farinelli, Centro Pecci
  • 11,20 – 11,40 — le motivazioni dei musei: esposizione dati statistici, considerazioni — Tommaso Zoppi Museo Archeologico Artimino
  • 11,40 – 12,20 — interventi
  • 12,20 – 13,15 — visita-conversazione mostra “la figurazione inevitabile

fonte: Centro Pecci Prato

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.