Home / In evidenza / PISTOIA – Lettera aperta al Sindaco di Pistoia: padre Vittorio Agostini attende ancora una strada a Masiano
vittorio-agostini-con-bambino

PISTOIA – Lettera aperta al Sindaco di Pistoia: padre Vittorio Agostini attende ancora una strada a Masiano

Accogliamo volentieri la richiesta dell’associazione provinciale senza  scopo di lucro Culturidea www.associazioneculturidea.it di dare visibilità alla lettera scritta al  Sindaco di Pistoia per chiedere una via intitolata a padre Vittorio Agostini e il gemellaggio tra la città congolese di  Nsioni  e Pistoia. Riportiamo perciò il testo integrale della lettera:

Lettera aperta al Sindaco di Pistoia: padre Vittorio Agostini attende ancora una strada a Masiano e con questo atto, magari il gemellaggio Pistoia-Nsioni.Padre Vittorio

Carissimo Sindaco,
come Associazione abbiamo sempre concretamente sperimentato la vicinanza, l’amicizia e la collaborazione dell’Amministrazione Comunale alle nostre iniziative solidali e di cooperazione internazionale verso la popolazione di Lukulà nel Bas Congo ove il 4 luglio scorso ha concluso il suo primo anno scolastico il centro didattico padre Vittorio Agostini. Proprio partendo dalla concretezza dell’aiuto mostrato nei confronti del nostro agire per quelle martoriate popolazioni centro africane, siamo qui a ribadire e ricordare l’esigenza di ulteriori passi nei confronti del consolidamento e rafforzamento dello spirito solidale verso i meno fortunati. Ormai da oltre un anno e mezzo Culturidea ha ufficializzato la proposta di intitolare una strada cittadina, meglio forse a Masiano, alla memoria di padre Vittorio. Oggi quella strada potrebbe addirittura chiamarsi “via scuola padre Vittorio Agostini in Congo”, quasi a ribadire
come la presenza del missionario pistoiese in quel lontano Paese è sempre là a dare buoni frutti come se fosse ancora in vita. Di questa cosa, si ricorderà signor Sindaco, ne parlò anche personalmente con l’avvocato Joseph Masumu Nzimbala (presidente Associazione Congolese Laica che gestisce la scuola a Nsioni), proprio dodici mesi or sono in occasione della tombola di san Jacopo. In Joseph Romano tvlquell’occasione l’avvocato Nzimbala narrò ai pistoiesi come la memoria di padre Vittorio stesse diventando un vero centro didattico e nel settembre successivo il primo anno scolastico avrebbe preso il via. Da quella data sono trascorsi dodici mesi e pur ignorando quali siano i tempi tecnici per le operazioni di individuazione di una strada idonea per diventare “via padre Vittorio Agostini”, lo svolgimento delle pratiche ad essa necessarie, ad un pensiero comune parrebbe che 365 giorni potrebbero anche essere sufficienti.

Allo stesso modo Culturidea ha anche proposto, come poi ufficialmente ribadito e protocollato con istanza ufficiale la città di Nsioni – Bas Congo, l’esigenza di pensare, strutturare, ideare un gemellaggio non oneroso tra la stessa Nsioni e Pistoia. Per questo scopo precipuo è venuto a Pistoia in visita privata, ricevuto nella sala del Gonfalone dall’assessore Elena Becheri, il Governatore onorario del Bas Congo, attuale Vicepresidente del Parlamento Congolese onorevole Simon Mbatshi Batshia e tutto ciò, francamente, per una città che si vuol porre ad esempio controcorrente rispetto ad un razzismo anche non troppo strisciante che si legge in molti comportamenti italiani, dovrebbe essere un segno da valorizzare e da cui prendere spunto per una più incisiva azione solidale. Per questo siamo certi e vogliamo ribadire la nostra fiducia nel fatto che nel Palazzo si stia lavorando con solerzia affinché questi non rimangano solo “buoni propositi.

Riccardo Fagioli (Presidente)

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.