Home / Economia / Federica Grassini (Presidente Confcommercio Pisa) : ‘Basta tasse. Tragica sperequazione tra pubblico e privato’
Federica Grassini

Federica Grassini (Presidente Confcommercio Pisa) : ‘Basta tasse. Tragica sperequazione tra pubblico e privato’

Solo 8 pmi su 100 prevedono aumenti di fatturato nel 2014. Giro d’affari e profitti rivisti al ribasso. Investimenti al minimo storico. Pressione fiscale insostenibile. Crisi di liquidità per una impresa su tre

La crisi per le pmi pisane è ancora lontana dall’essere superata. A pensarla così Federica Grassini, presidente di ConfcommercioPisa: “Gli ultimi dati della Camera di Commercio confermano il permanere di una situazione di grandissima difficoltà per le piccole e medie imprese pisane. Per il 2014, soltanto 8 su 100 prevedono un aumento del fatturato, mentre anche i margini di profitto subiranno una significativa revisione al ribasso. Quasi il 40% delle imprese con meno 20 dipendenti prevede nell’anno in corso una contrazione del proprio giro d’affari”.

Secondo la presidente di ConfcommercioPisa, il quadro generale non aiuta certo le imprese: “La pressione fiscale ha raggiunto il record mondiale del 53,2%, in un contesto in cui il Pil non cresce e i consumi sono tornati indietro di vent’anni. Intanto, la spesa pubblica, soprattutto improduttiva, continua a correre con percentuali a due cifre. La sperequazione è evidente e per certi versi tragica. Le imprese razionalizzano sempre di più i costi, e riducono i margini di profitto per restare competitive sui mercati, mentre al contempo le burocrazie pubbliche, a tutti i livelli, continuano ad ingrassare con i soldi di imprese e cittadini. Confcommercio ha calcolato che ci sono 80, 100 miliardi di spesa pubblica da tagliare. Occorre una bella sforbiciata per recuperare risorse da destinare alla riduzione delle tasse e alla ripresa dei consumi”.

A proposito di consumi, Grassini nutriva qualche aspettativa in più per i saldi estivi: “In effetti, a parte una iniziale euforia, poi le vendite hanno rallentato di colpo. Ci si aspettava qualcosa di più dai famosi 80 euro. Il dato nazionale si attesta su un -4%, a Pisa la situazione è stata comunque migliore”.

Tornando alla situazione pisana, gli imprenditori locali confermano una linea attendista: “Non possiamo sorprenderci nel vedere che la quota di imprese provinciali con investimenti in corso o previsti è scesa al 6%, il minimo storico” – sostiene Grassini: “D’altronde, la crisi continua ad avere effetti molto negativi sulla gestione della liquidità aziendale. Quasi una impresa su tre prevede un peggioramento anche su questo fronte”.

Nonostante tutto ciò, le imprese pisane lavorano incessantemente a strategie di rilancio. “Le imprese adottano strategie a tutto campo di di razionalizzazione dei costi di gestione e di compressione dei margini in direzione di una maggiore efficienza, mentre il miglioramento della qualità dei prodotti e la ricerca di nuovi mercati, in Italia e all’estero, rappresentano le migliori strategie per un rilancio possibile. Le imprese stanno facendo la loro parte fino in fondo per uscire dalla crisi”.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.