Home / Cronaca / Piazza San Marco colabrodo. Comune di Firenze assente
piazza san marco

Piazza San Marco colabrodo. Comune di Firenze assente

FIRENZE – Chi quotidianamente raggiunge Piazza San Marco in scooter sa benissimo che potrebbe ritrovarsi sbalzato a terra da un momento all’altro. Non per il sole da tintarella estiva e nemmeno per qualche automobilista o conducente di autobus o pedone distratto. Le maggiori insidie per i motociclisti, gli scooteristi e i ciclisti sono le buche. E, Firenze, da questo punto di vista, è come il formaggio svizzero groviera.

Mentre si pensano a stangare i cittadini con le multe, mentre si pensa un po’ troppo alla politica nazionale, a Firenze il sindaco Matteo Renzi forse si è scordato che il mandato amministrativo gli impone di rendere la città di Firenze più sicura. E questo non solo dal punto di vista della sicurezza sociale (e, anche qui, stendiamo un velo pietoso), ma anche da quello delle strade da rimettere in ordine.

A due passi dal Duomo, infatti, troviamo una delle pavimentazioni più disastrate di tutta Firenze. «Ci sono più buche e dislivelli in Piazza San Marco – ammette Francesco, l’autore delle foto che sono state fornite in esclusiva a ToscanaNews – che in un campo di patate. So benissimo che Renzi è un grande appassionato di sport, soprattutto di calcio e di atletica, ma non pensavo che amasse anche il golf tanto da rendere Firenze alla stregua di un campo di golf». Peccato, però, che di questi campi Firenze abbia preso solo le buche e non il verde.

«Ogni mattina – prosegue Francesco – per recarmi a lavoro devo percorrere Piazza San Marco e ogni giorno è un dramma. Non potete immaginarvi che agonia con tutti quegli scossoni. Spero che Renzi sia andato dalla Merkel a farsi insegnare ad asfaltare le strade. Mi risulta che in Germania e nel Nord Europa siano messe molto meglio delle nostre».

Se questo sia vero o no, non ci è dato saperlo. Resta il fatto che la situazione di Firenze ormai è al limite del paradosso, con un sindaco impegnato più a promuovere la sua persona piuttosto che quella della città che dovrebbe amministrare.

[nggallery id=1]