Home / Firenze / Pensa prima di bere – il Questore di Firenze speaker radiofonico contro l’abuso di alcol
Pensa quando Bevi
Pensa quando Bevi

Pensa prima di bere – il Questore di Firenze speaker radiofonico contro l’abuso di alcol

Alcuni spot registrati dal Questore in onda su Radio Firenze per Pensa prima di bere, campagna contro l’abuso di acol

Firenze, 16 dicembre 2013 – Una campagna di sensibilizzazione contro l’abuso di alcol fra i giovani che vedrà il Questore di Firenze Raffaele Micillo impegnarsi in prima persona con la registrazione di alcuni spot che invitano i giovani a non bere prima di mettersi alla guida. E’ l’iniziativa, dal titolo ‘Pensa prima di bere’ promossa dalla Questura di Firenze insieme a Radio Firenze per sensibilizzare il mondo della notte fiorentina contro l’abuso di alcol.

Gli spot, che vedono il Questore rivolgersi in modo informale ai giovani ricordando loro che se si guida non bisogna bere, saranno mandati in onda su Radio Firenze (fm 95.4), con un incremento della frequenza proprio nel fine settimana.

“La guida in stato di ebbrezza – spiega Micillo – provoca ogni anno migliaia di incidenti stradali con vittime soprattutto tra i nostri giovani: basta pochissimo alcool per avere colpi di sonno, riflessi lenti e vista annebbiata. Ma con una piccola dose di responsabilità, ci si può divertire senza rischiare inutilmente, garantendo non solo la nostra sicurezza, ma anche quella dei nostri amici e delle nostre famiglie. La Polizia di Stato vigila da sempre sulle strade per garantire proprio la libertà dei giovani e di ogni altra persona”.

“La nostra emittente, nata soltanto due anni fa, si è sempre dimostrata sensibile a questo problema” – spiega Lorenzo Galli Torrini, ideatore della campagna per Radio Firenze – “abbiamo voluto promuovere una nuova iniziativa che veda il coinvolgimento delle stesse forze dell’ordine, rappresentate dal Questore Micillo che ringraziamo, perché crediamo che in questo modo possiamo raggiungere i giovani in maniera diretta ed efficace. Proprio come è nello stile di Radio Firenze.”

fonte: Questura di Firenze