Home / Cucina / Pasta al latte di seppia
pasta seppie
pasta seppie

Pasta al latte di seppia

Una simpatica variante alla solita pasta al nero di seppia è la pasta al latte di seppia, ricetta originale ed esclusiva dello chef “babbo Piero” che poi sarebbe il padre del mio fidanzato! E’ una ricetta piuttosto facile, che può benissimo preparare anche chi non ha mai preso in mano una padella.

Il consiglio è comprare le seppie già pulite soprattutto se non siete pratici… e, se ne avete la possibilità, fresche! Scrivendo attualmente da una località di mare per me è abbastanza facile trovarle e sinceramente la differenza si sente! A me le ha preparate Carlo, il mio cuoco preferito.

Amo le sperimentazioni… a copiare son bravi tutti… a creare pochi!

Ingredienti per 4 persone:

  • Aglio: 2 spicchi
  • Prezzemolo tritato: 4 cucchiai
  • Pasta: 400 gr
  • Olio extravergine di oliva: 3-4 cucchiai
  • Seppie pulite: 500 gr Vino bianco: ½ bicchiere
  • Latte: 4 bicchieri (uno a persona)

In una padella capiente mettete l’olio, aggiungete l’aglio e il prezzemolo tritati, quindi a fuoco basso, fate rosolare. Aggiungete poi in padella le seppie ed un dado e mescolate per 10 minuti. Sfumate con il vino bianco salate, pepate e lasciate cuocere per 10 minuti a fuoco dolce coprendo con un coperchio.

Trascorso il tempo suddetto aggiungete il latte di seppia e lasciate ritirare finché il latte non avrà raggiunto una consistenza cremosa. Nel frattempo lessate la pasta (linguine, spaghetti, maccheroni o anche trofie) lasciandola leggermente indietro, scolatela e versatela in padella cuocendola per un altro minuto. Guarnire con un ciuffetto di prezzemolo fresco e servire.

fonte: Beatitudini in Cucina

Beatrice Rossi

Beatrice, 33 anni. Collabora con Reato d'Opinione per cui tiene la pagina di Storia dell' Arte, in cui è laureata, è food blogger di successo sul suo seguitissimo www.beatitudiniculinarie.it dove racconta le sue ricette in un lungo viaggio alla ricerca di nuovi e vecchi sapori. Artista non solo dei fornelli, nel tempo libero oltre a cucinare ama leggere, disegnare e dedicarsi all'artigianato artistico per cui è creatrice e venditrice.