Home / Eventi e cultura / MISTERO – La replica di una finalista del Mystery Contest
Maria Beatrice Pavanello a Mistero
Maria Beatrice Pavanello a Mistero

MISTERO – La replica di una finalista del Mystery Contest

Maria Beatrice Pavanello - Mistero

Maria Beatrice Pavanello – Mistero

FIRENZE – Pochi giorni fa, ToscanaNews rivelò i nomi e i curricula dei dieci finalisti del Mystery Contest, una sorta di casting del pubblico le cui regole sono state cambiate diverse volte durante la durata del gioco organizzato dalla redazione della trasmissione televisiva “Mistero. Ci è giunta la replica di una delle finaliste, l’autrice del video “Il mistero di Sant’Ambrogio“, Maria Beatrice Pavanello (nella foto, un frame tratto dal video), che fa chiarezza sulla propria posizione. Nell’articolo del 16 gennaio era stata descritta come “modella e attrice di teatro”, ma Maria Beatrice, figlia d’arte da parte di mamma (vedi screenshot a lato del suo profilo sul sito di 16mm.it), tende a precisare di non essere conosciuta e di avere esperienze teatrali solo in ambito scolastico, ma di lavorare soprattutto come “hostess per eventi e fiere”. A Maria Beatrice Pavanello, comunque, va il nostro in bocca al lupo per il prosieguo del contest.

Ecco qui di seguito l’intervento completo:

Ciao a tutti!

Io sono Maria Beatrice Pavanello, e sono una delle 10 Finaliste di Mistero. Ho scoperto questo articolo per caso… E sinceramente sono molto sorpresa per la maggior parte di quello che ho letto.

In primis, se è vero ciò che è scritto, non avevo idea che i miei “avversari” fossero già così inseriti nel mondo dello spettacolo… E la cosa mi fa un po’ effetto. Ma visto che sono stata messa nel mucchio dei “già noti”, posso dire (per mia sfortuna!) che la cosa non è vera!

Si, ho una mia pagina su facebook e un profilo su fotoportale.it, ma sono solo semplici vetrine per poter trovare lavori. Inoltre, semplicemente leggendo il mio curriculum (presente alla vista di tutti su entrambi i portali) è palese che lavori molto di più come semplice hostess per eventi e fiere, cosa che fanno centinaia di ragazze normalissime.

Inoltre, mi sono trovata etichettata anche come “attrice di teatro”, come fossi una professionista affermata e conosciuta. In verità (e ribadisco il “per mia sfortuna”!!) le mie esperienze teatrali sono per ora limitate alla compagnia teatrale della mia scuola (ho 19 anni!), il che non credo mi metta affatto tra “le favorite” o tra i “personaggi già noti nel mondo dello spettacolo”. Sbaglio?

Inoltre, sono sorpresa anche di ritrovarmi nello screen della papabili 10: io per prima, vedendo la qualità video/audio degli altri video, non credevo di passare tra i 10. Ma visto che la redazione deve aver visto qualcosa di positivo nel mio video o nel mio modo di raccontare, e mi ha scelta, sono estremamente felice, e non mi sento affatto in colpa ne tantomeno avantaggiata rispetto a gli altri. Anzi, sono molto dispiaciuta che il mio video si senta male e non sia super HD, ma l’ho girato con la mia modesta fotocamerina, in quanto proprio perché sono una normale studentessa e lavoratrice, non ho mezzi professionali ne cameraman professionisti che mi riprendano.

Non mi posso certo esprimere sugli altri 9, di quanto siano effettivamente noti o quanto questo possa o meno essere giusto…(a parte i palesi strappi alle regole). Ma per quanto mi riguarda, sono una semplicemente patita del mistero che sta tentando di realizzare un piccolo sogno.

Marco Gargini

Già firma de “il Corriere di Firenze”, “il Nuovo Corriere di Prato”, “il Vostro Quotidiano”, ha collaborato anche con “ItaliaCalcioa5.it”. È stato radiocronista per “Radio Antenna Toscana 1” e “Radio Bruno” e inviato sui campi dilettantistici di calcio a 5 per “Rete 37”. Appassionato di sport e catalanista, nel 2010 è stato nominato ambasciatore in Toscana per la Plataforma Pro Seleccions Esportives Catalanes.