Home / Economia / ‘Microcredito anche per professionisti e partite IVA’ la CGIL Toscana lancia il progetto
soldi

‘Microcredito anche per professionisti e partite IVA’ la CGIL Toscana lancia il progetto

Microcredito anche per le Partite Iva e i professionisti. Gli atipici sono gli ultimi nel mercato del lavoro, serve un intervento a loro favore

il Nidil Cgil Toscana, col coordinatore Alessio Branciamore, chiede alla Regione di favorire l’accesso al credito per queste tipologie, sull’esempio di quanto già fatto in un apposito progetto regionale per i lavoratori sotto i 24mila euro annui di Isee, non pagati o in regime di ammortizzatori sociali.

Nidil Cgil Toscana, che da due anni ha costituito la Consulta delle professioni con la quale organizza I professionisti,  mette sul tavolo di confronto con la Regione altri quattro temi da portare avanti per professionisti e Partite Iva: favorire l’ingresso dei giovani nel mondo delle professioni (anche attraverso una revisione della Legge regionale del 2008 sulle professioni), favorire esperienze di mutualismo nel welfare (sostegno al reddito per chi non può ricevere gli ammortizzatori sociali standard, interventi per conciliare maternità/paternità e libera professione), formazione professionale (magari mutuando il modello della carta ILA adattandolo ai professionisti per la formazione dei liberi professionisti), promozione del coworking (agevolazioni fiscali per i gestori privati, recupero di spazi coi gestori pubblici).

“Partite Iva E collaboratori a progetto sono più bistrattati di altri, perché dallo scoppio della crisi ad oggi sono stati ignorati dal punto di vista sociale, ma soprattutto dalle politiche di sostegno al reddito sia occupazionali che fiscali. Il reddito medio mensile dei professionisti di nuova generazione iscritti alla gestione separata INPS è di mille euro. Lo stesso governo Renzi finora non ha previsto niente per loro attraverso il Jobs Act, la legge delega e anche per quanto riguarda gli ammortizzatori”, commenta Branciamore. E si sta parlando di persone laureate, in possesso di specializzazioni e competenze professionali, come avvocati, architetti, comunicatori, che negli ultimi anni hanno subito un enorme abbassamento dei loro compensi e sono tuttora privi delle più elementari forme di regolazione e tutela su previdenza, welfare, maternità, malattie.

Marco Palazzi

Fiorentino, 25 anni, si è laureato in Media e Giornalismo all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Sociologia della Comunicazione. Giornalista freelance, collabora dal 2010 con testate di rilievo regionale. Nel 2013 entra far parte della redazione di Toscana News