Home / Economia / LIVORNO – Domani sciopero e presidio davanti al Comune dei lavoratori per salvare la A.Am.P.S.
cgil

LIVORNO – Domani sciopero e presidio davanti al Comune dei lavoratori per salvare la A.Am.P.S.

Livorno, domani sciopero e presidio davanti al Comune dei lavoratori per salvare la A.Am.P.S., l’azienda di igiene ambientale. A rischio stipendi dicembre. “Farla fallire porterebbe esuberi e metterebbe in ginocchio la filiera del territorio”

Livorno, 19-11-2015 – Domani venerdì 20 novembre indetto lo sciopero in A.Am.P.S: i lavoratori dell’azienda di igiene ambientale livornese saranno in presidio dalle 8 alle 18 (con Cgil, Cisl e Uil di categoria) davanti al Comune (piazza del municipio) per chiedere la stabilizzazione dei 40 lavoratori precari e la garanzia della continuità aziendale in quanto l’approvazione del bilancio, da sola, non è sufficiente a scongiurare il fallimento.

Oggi è stato approvato il bilancio, primo passo fondamentale per salvare A.Am.P.S., l’appuntamento che attendono i lavoratori è il primo dicembre: “Sarà l’assemblea del primo dicembre a decidere sulla continuità aziendale – chiarisce il segretario generale della Funzione Pubblica CGIL territoriale, Giovanni Golino -: se non saranno immessi capitali, al momento le risorse non sono sufficienti neanche per erogare gli stipendi di dicembre”.

I posti di lavoro tra diretti e indotto sono 500 e nella Fp CGIL della provincia di Livorno le ricette proposte dalla maggioranza pentastellata sollevano più di una perplessità:

“Far fallire A.Am.P.S. e avviare una NewCo aprirebbe la strada per effettuare esuberi e a pagare il costo di scelte politiche sbagliate sarebbero i lavoratori – illustra Golino -; ancor peggio sarebbe per tutto il mondo dell’indotto, molti rischierebbero di riscuotere soltanto una minima parte del debito che vantano nei confronti di A.Am.P.S. e questa eventualità metterebbe in ginocchio l’intera filiera del settore sul territorio”.

Anche l’ipotesi di una A.Am.P.S. tutta pubblica che non confluisce in RetiAmbiente non convince i rappresentanti dei lavoratori:

“La preoccupazione dell’ingresso in RetiAmbiente di partners privati -conclude Golino – era proprio che si determinassero esuberi e fossero tagliati salari e diritti, ma è proprio la situazione che si sta profilando in A.Am.P.S., con le scelte operate dall’Amministrazione Comunale, senza contare che ai sensi della legge 152 del 2006 e della legge regionale 61 del 2007 A.Am.P.S. nel 2030 dovrà obbligatoriamente confluire nell’ATO di area vasta”.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.