Home / In evidenza / Lenovo compra Motorola da Google per 3 miliardi di dollari
motorola

Lenovo compra Motorola da Google per 3 miliardi di dollari

Big G vende l’unica divisione hardware che aveva e torna ad essere solamente un produttore di software e servizi web. Finisce l’era di Motorola a stelle e strisce.

Lenovo ha acquistato da Google la divisone Motorola Mobility per 2,91 miliardi di dollari dopo che il colosso di Mountain View l’aveva acquistata circa tre anni fa per la cifra di 12,5 miliardi. Un pessimo affare in casa Google che vede lo storico brand prendere la via della Cina e segnare nel bilancio un gran segno meno, sia nelle trimestrali (a causa di vendite al di sotto delle aspettative dei terminali Moto X e Moto G ) che nell’analisi dell’investimento generale con una minusvalenza di circa 10 miliardi di dollari.

La scelta di acquistare Motorola da parte di Lenovo è dovuta alla volontà di espandersi nel mercato mobile oltre i confini cinesi, cosa non molto riuscita fino ad oggi. Oltre ai due ottimi terminali, dal punto di vista di qualità e rapporto qualità/prezzo, Lenovo acquista anche alcuni brevetti per il settore della telefonia. Sul fronte brevetti va però chiarito che dei circa 17mila brevetti comprati solo 2mila sono stati venduti da Google a Lenovo.

L’investimento di Google in Motorola può quindi definirsi fallimentare in quanto oltre alla perdita generata dalla differenza tra prezzi d’acquisto e di vendita ci sono bilanci sempre in rosso. Un esempio è l’ultima trimestrale  con 248 milioni di $ di perdita. Oltre che dal punto di vista finanziario, nonostante Moto X sia assemblato negli Stati Uniti, un altro punto dove Google ha fallito è l’occupazione. I dipendenti sono scesi, in meno di tre anni, da 20mila e circa 3800.

Lenovo mette a segno un altro importante acquisto, dopo il settore dei personal computer acquisito da IBM nel 2005 ecco Motorola Mobility da Google. Il CEO di Google, in una nota rassicura comunque i fan Motorola:

«L’accordo – scrive il ceo di Google Larry Page nella nota dell’azienda – deve essere ancora approvato sia negli Usa sia in Cina, cosa che di solito richiede tempo. Quindi il business di Motorola proseguirà come previsto. Sono incredibilmente colpito da tutto ciò che il team Motorola ha raggiunto e sono fiducioso che con Lenovo come partner, Motorola costruirà prodotti sempre migliori per tutti».

Francesco Acciai

Nato a Bibbiena, paese più grande del Casentino in Provincia di Arezzo nel 1985. Vive a Firenze da oltre 7 anni e si occupa di Pubblica Amministrazione, di Web Grafica e SEO. Appassionato di fotografia e del mondo Android, segue costantemente l'evolversi di tutto quello che è tecnologia