Home / Cucina / La scarpaccia, piatto tipico di Viareggio e Camaiore
scarpaccia
scarpaccia

La scarpaccia, piatto tipico di Viareggio e Camaiore

Benvenuti in Versilia! Questa è  la scarpaccia uno dei piatti tipici di Viareggio e [p2p type=”slug” value=”camaiore-aggredisce-rumeno-arrestato-versiliese”]Camaiore[/p2p] con una differenza sostanziale… a Viareggio è una torta dolce, a Camaiore salata!

scarpacciaAd essere onesta non ho mai provato la scarpaccia dolce di [p2p type=”slug” value=”viareggio-poesie-di-carta-scritte-con-il-cuore”]Viareggio[/p2p], ma conosce bene quella di Camaiore. Quando la preparava mia nonna era davvero buonissima, spargeva per casa un delizioso profumo!

Mia nonna la faceva leggermente più alta di come la faccio io, ma il risultato è ottimo uguale! Tutti gli ingredienti devono essere freschissimi, si tratta di un tipico piatto contadino: la massaia andava nell’orto a cogliere le zucchine ed i fiori e poi preparava questa torta, nel forno già caldo dove era stato appena cotto il pane. Si tratta di un tipico slow food… prendetevi il tempo per gustarlo!

Ingredienti:

  • 12 piccole zucchine fresche
  • 15 fiori di zucca
  • 1 cipolla rossa
  • 4 cucchiai colmi di farina
  • 4 cucchiai di olio
  • sale e pepe q.b.

In una ciotola tagliare le zucchine a rondelle sottili, i fiori e la cipolla a pezzetti.

Aggiungere sale per far fare l’acqua alle zucchine.Lasciate riposare per almeno tre ore, trascorso tale tempo sul fondo della scodella si sarà formata l’acqua necessaria per formare l’impasto (se volete essere ben sicure che si formi acqua necessaria lasciate trascorrere più ore o mettete la ciotola al sole!).

Aggiungere quindi l’olio e la farina ed amalgamate con l’acqua che si è formata. Mescolate accuratamente in modo che le verdure vengano ricoperte da una sorta di pastella. Ungere una teglia (o usare carta da forno) di 32 cm, mettere l’impasto e cuocere a 180° per circa 45 minuti e la vostra scarpaccia è pronta.

fonte: Beatitudini in Cucina

Beatrice Rossi

Beatrice, 33 anni. Collabora con Reato d'Opinione per cui tiene la pagina di Storia dell' Arte, in cui è laureata, è food blogger di successo sul suo seguitissimo www.beatitudiniculinarie.it dove racconta le sue ricette in un lungo viaggio alla ricerca di nuovi e vecchi sapori. Artista non solo dei fornelli, nel tempo libero oltre a cucinare ama leggere, disegnare e dedicarsi all'artigianato artistico per cui è creatrice e venditrice.