Home / Cinema / ‘La gatta sul tetto che scotta’ ai Rinnovati di Siena
vittoria puccini

‘La gatta sul tetto che scotta’ ai Rinnovati di Siena

“La gatta sul tetto che scotta”, tratto dall’omonimo dramma teatrale composto nel 1954 dal drammaturgo statunitense Tennessee Williams, sarà in scena al teatro comunale dei Rinnovati di Siena da venerdì 16 a domenica 18 gennaio prossimi, alle ore 21.15.

La produzione della compagnia “Gli Ipocriti” vedrà sul palco Vittoria Puccini e Vinicio Marchioni; con loro, Paolo Musio, Franca Penone, Salvatore Caruso, Clio Cipolletta e Francesco Petruzzelli, per la regia di Arturo Cirillo.

Vinicio Marchioni

Vinicio Marchioni

Vicende familiari, passioni e amori omosessuali tra ipocrisia e verità. Questi gli ingredienti del dramma che valse a Williams il secondo premio Pulitzer, dopo quello ricevuto per “Un tram chiamato desiderio”.

Il drammaturgonon ha paura di cadere nel melodrammatico, non teme l’eccesso e l’esagerato; riesce sempre, per contrasto o completamento, scavando nelle pieghe dell’anima dei suoi personaggi, a trovare la verità nascosta sotto la superficie.

Al centro della storia il matrimonio di Brick e Maggie: un’infelice unione senza sesso e senza figli. Brick è un ex sportivo, caduto nell’alcolismo, che ancora non ha superato il suicidio di un suo compagno di squadra di cui era segretamente innamorato in maniera tormentata.

Il precario equilibrio della coppia va in pezzi e si ricomporrà solo nel finale, in occasione di una riunione familiare e dal confronto con un’altra coppia, apparentemente più serena, ma forse solo più ipocrita: Gooper, fratello di Brick, e Mae, sua moglie.

Marco Palazzi

Fiorentino, 25 anni, si è laureato in Media e Giornalismo all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Sociologia della Comunicazione. Giornalista freelance, collabora dal 2010 con testate di rilievo regionale. Nel 2013 entra far parte della redazione di Toscana News