Home / Sport / Italia da paura, ma vince l’Australia
rugby00

Italia da paura, ma vince l’Australia

22-19 il risultato a favore dei Wallabies che escono tra i fischi dell’Artemio Franchi. Primo tempo regalato dagli Azzurri, nella ripresa cambia la musica, ma non basta. Orquera fallisce il calcio del pareggio a cento secondi dalla fine

Italia-Australia 19-22 (pt 6-22)

FIRENZE – L’Australia espugna l’Artemio Franchi 22-19, ma che paura per i Wallabies. Un’Italia dai due volti, dona un tempo agli oceanici, ma nella ripresa mette alle corde la formazione di Deans che vede sempre più traballante la propria panchina. Dopo un primo tempo giocato sotto tono e con all’attivo troppi falli, l’Italia si riprende con gli interessi nella ripresa riuscendo ad andare in meta e sfiorando più volte il colpo del ko. Ma la paura di fare risultato con i più quotati australiani alla fine condanna gli Azzurri a una sconfitta immeritata. Italia che a due minuti dal termine sbaglia il calcio piazzato del pareggio e che costringe l’Australia a far passare il tempo e a buttare fuori il pallone per non rischiare un nuovo ritorno di Parisse e compagni.

PRIMO TEMPO – Parte subito forte l’Italia che al 4′ piazza con Orquera, ma due minuti dopo Barnes trova il 3-3 con un ottimo calcio da metà campo. Dopo il pareggio, gli oceanici conquistano territorio e al quarto d’ora si portano sul 6-3 ancora con un piazzato di Barnes. Gli Azzurri si scompongono e, complice un errore difensivo, regalano spazio all’Australia che al 19′ schiaccia in meta con Cummins. Barnes trasforma e porta i Wallabies avanti 13-3. Cinque minuti dopo, lo stesso giocatore del Waratahs, con un altro pregevole calcio da metà campo, sigla il 16-3 per i verdeoro. Una decisione controversa del giovane fischietto sudafricano van der Merwe permette a Beale di piazzare il colpo del 19-3 al 27′. L’Italia perde la testa, sbaglia molto soprattutto in difesa, Beale ringrazia e due minuti dopo centra nuovamente i pali. Un sussulto d’orgoglio degli Azzurri permette a Orquera di piazzare il 6-22 al 33′, ma nell’occasione l’idolo dei tifosi di casa, Andrea Lo Cicero, si fa male e lascia il posto a Michele Rizzo. Al 39′ ottima azione di Masi che si libera di tre giocatori avversari, ma invece di servire l’accorrente Benvenuti, calcia troppo forte mandando la palla ben oltre l’area di meta. È l’ultimo sussulto di un primo tempo nel quale la formazione di casa è apparsa molto contratta.

SECONDO TEMPO – L’Italia rientra nella ripresa con tutt’altro piglio e dopo poco meno di un minuto va in meta con Barbieri, trasformata da Orquera, dopo il Tmo richiesto dal direttore di gara (13-22). Al 10′ un piazzato di Orquera riporta sotto break l’Italia che, forse, in questo frangente avrebbe dovuto mettere in pratica i diktat dannunziani sull’osare sempre. Infatti, la pressione degli Azzurri aveva messo in grosse difficoltà la difesa australiana che aveva commesso fallo a cinque metri dalla meta. Al 14′ Mirco Bergamasco subisce un brutto infortunio ed è costretto ad uscire in barella lasciando il posto all’italoaustraliano McLean. Sulla seguente punizione, Orquera è infallibile e sigla il 19-22. Al 25′ lo stesso Orquera potrebbe tentare il drop dai dieci metri, ma opta per un calcetto in avanti alla ricerca della meta col rimbalzo che tradisce l’attacco azzurro e permette all’Australia di liberare. L’Italia ci crede e mette una pressione incredibile ai Wallabies che chiudono la partita con un uomo in meno per il giallo allo scadere di Ioane. Orquera a cento secondi dalla fine fallisce il calcio piazzato del pareggio, l’Australia recupera palla, fa passare il tempo e all’80’, in preda a una crisi di panico, calcia la palla fuori tra i fischi assordanti dell’Artemio Franchi.

ITALIA: Masi, Venditti, Benvenuti, Sgarbi, Bergamasco (54′ McLean), Orquera, Gori (74′ Botes), Parisse (cap.), Barbieri (59′ Favaro), Zanni (69′ Vosawai), Minto, Geldenhuys (59′ Pavanello), Castrogiovanni (61′ Cittadini), Ghiraldini (59′ Giazzon), Lo Cicero (33′ Rizzo). A disp.: Cittadini. All. Jacques Brunel.
AUSTRALIA: Barnes, Cummins (68′ Ioane), Ashley-Cooper, Tapuai, Mitchell, Beale, Sheehan (31′ pt Phipps), Palu, Hooper, Higginbotham (66′ Dennis), Sharpe (cap.), Timani, Alexander (72′ Kepu), Moore, Robinson (37′ Slipper). A disp.: Polota-Nau, Gill, Harris. All. Robbie Deans.
ARBITRI: Lourens van der Merwe (Sudafrica). Guardalinee: Wayne Barnes (Inghilterra) e Neil Paterson (Scozia). Tmo: Marshall Kilgore (Irlanda).
MARCATORI: pt 4′ cp Orquera (3-0), 6′ cp Barnes (3-3), 15′ cp Barnes (3-6), 19′ mt Cummins tr Barnes (3-13), 24′ cp Barnes (3-16), 27′ cp Beale (3-19), 29′ cp Beale (3-22), 33′ Orquera (6-22); st 1′ mt Barbieri tr Orquera (13-22), 10′ cp Orquera (16-22), 14′ cp Orquera (19-22).

NOTE: Primo tempo 22-6 per l’Australia. Uscito al 14′ st Mirco Bergamasco per infortunio. Man of the match Minto (I). Cartellino giallo al 78′ a Ioane (A).

G.M.G.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.