Home / Economia / INPDAP – Prosegue la vertenza dei lavoratori degli appalti
inpdap
inpdap

INPDAP – Prosegue la vertenza dei lavoratori degli appalti

Secondo la FILCAMS CGIL ne INPS ne aziende voglio trovare una soluzione al problema dei lavoratori degli appalti EX INPDAP

Firenze – Prosegue la lotta delle lavoratrici in appalto che, con la riorganizzazione dell’INPS ed il conseguente accorpamento degli uffici INPDAP della Toscana, stanno perdendo il posto di lavoro, sono previsti, infatti, oltre 30 licenziamenti degli addetti al servizio di pulizia e portierato, molti di essi già effettuati in questi giorni. Questa situazione colpirà, se non contrastata e rivista, nuovamente i livelli occupazionali in un settore particolarmente “debole” che coinvolge spesso lavoratrici part-time con un solo reddito.

Nella riorganizzazione in atto, dovuta all’accorpamento dell’INPDAP in INPS, sono stati giustamente tutelati tutti i posti di lavoro dei dipendenti diretti, la Filcams CGIL chiede che questa giusta soluzione venga trovata anche per i lavoratori degli appalti di pulizie e portierato che, come i colleghi pubblici, hanno dato per anni un contributo importante alle attività degli Istituti.

Le Organizzazioni Sindacali hanno chiesto l’intervento dell’Assessore Regionale al Lavoro Simoncini per attivare un tavolo di confronto con tutti i soggetti coinvolti. L’Unità di crisi ha convocato l’INPS Regionale, la Manutencoop FM, l’Operosa (aziende titolari degli appalti) e le Organizzazioni Sindacali per giovedì 11 luglio prossimo. La Filcams CGIL chiede che venga trovata una soluzione per la salvaguardia di tutti i posti di lavoro, trovando risorse adeguate, anche combattendo gli sprechi, e non togliendo posti di lavoro, affermando come non si possa far pagare il prezzo più alto sempre agli “ultimi”!

In attesa dell’incontro in Regione Toscana, verranno organizzate iniziative e presidi per protestare contro una decisione assurda che considera le persone come oggetti, applicando tagli lineari che non garantiscono un servizio adeguato, ma aprono un altro capitolo sociale negativo per il territorio e per il Paese.

fonte: FILCAMS CGIL TOSCANA