Home / Arezzo / In quindici comuni aretini si avvicina la scadenza della nuova Tasi
Acli - La sede di Arezzo (2)

In quindici comuni aretini si avvicina la scadenza della nuova Tasi

Si avvicina la scadenza per pagare la Tasi, la nuova imposta sui servizi indivisibili.

Ci sarà infatti tempo fino a lunedì 16 giugno per saldare una tassa che, insieme all’Imu e alla Tari (la tassa sui rifiuti), rientra da quest’anno all’interno della Iuc, l’Imposta Unica Comunale. La Tasi è l’imposta che sarà utilizzata dai Comuni per i propri servizi rivolti alla cittadinanza come la manutenzione delle strade, la sicurezza, il verde e l’illuminazione pubblica, e viene calcolata sulla rendita catastale delle prime case di ogni cittadino.

La stessa scadenza vale anche per la prima rata dell’Imu, la vecchia imposta patrimoniale da pagare per le seconde abitazioni, gli immobili di pregio, i negozi e gli altri fabbricati. Il 16 giugno sarà dunque una data da non perdere in tutti quei comuni che hanno già individuato le aliquote per le tasse:

per la Provincia di Arezzo questi sono il capoluogo Arezzo, Bucine, Capolona, Chitignano, Chiusi della Verna, Foiano della Chiana, Laterina, Loro Ciuffenna, Monte San Savino, Monterchi, Ortignano Raggiolo, Pergine, San Giovanni Valdarno, Subbiano e Terranuova Bracciolini.

Con l’avvicinarsi di questa scadenza, si prospetta un periodo particolarmente impegnativo per il Caf Acli di Arezzo, il servizio di assistenza fiscale che resterà a disposizione per fornire tutta la documentazione e le informazioni necessarie per effettuare i pagamenti delle tasse. Ai cittadini, infatti, non arriverà alcun bollettino per posta ma ognuno potrà procurarsi il materiale per pagare Tasi e Imu presso gli sportelli delle Acli fissando un appuntamento allo 0575/21.700. Per tutti coloro che si recheranno direttamente agli uffici senza aver fissato un appuntamento saranno invece predisposte alcune postazioni che resteranno attive fino alla fatidica data del 16 giugno.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.