Home / Prato / I Cavalieri Prato alla prima in Amlin Challenge Cup
Amlin Challenge Cup
Amlin Challenge Cup

I Cavalieri Prato alla prima in Amlin Challenge Cup

Esordio in Amlin Challenge Cup per Estra I Cavalieri Prato.

Venerdì 11 ottobre alle ore 20:00 i rugbisti pratesi affronteranno in trasferta London Irish. Reduce da tre incontri di campionato, in cui hanno raccolto due vittorie e una sconfitta, il team di Carlo Pratichetti si prepara per la gara del Madejski Stadium, teatro della sfida con la compagine inglese.

Rispetto al match contro Fiamme Oro Roma, i Tuttineri cambiano metà formazione. Restano fuori dai titolari Lunardi, Saccardo, Giovanchelli e De Gregori, i quali siederanno in panchina, mentre En Naour, Bernini e Nifo restano a Prato insieme all’ultimo acquisto Marchetti. Da segnalare l’esordio da titolare in stagione di quattro elementi: Gerosa, Lupetti, Manganiello e Tenga.

Questa la formazione titolare, e panchina, scelta da coach Pratichetti:
15 Browne, 14 Falsaperla, 13 Majstorovic, 12 Manganiello, 11 Souare, 10 Zucconi, 9 Patelli (k), 8 Cicchinelli, 7 Del Nevo, 6 Damiani, 5 Gerosa, 4 Boscolo, 3 Biancotti, 2 Lupetti, 1 Tenga.

16 Traorè, 17 Giovanchelli, 18 Devodier, 19 Saccardo, 20 Della Ratta, 21 Lunardi, 22 Crestini, 23 De Gregori

Coach Pratichetti è carico per l’esordio in Europa, ma al tempo stesso realista:

“Il bilancio di questi due mesi e mezzo di lavoro è positivo. Come ho detto altre volte, dobbiamo lavorare su alcuni aspetti, ma sono molto soddisfatto del lavoro dei ragazzi. Ho a disposizione una rosa di 32 giocatori, che per me sono tutti sullo stesso livello e quindi tutti titolari; è evidente che ci deve essere una rotazione affinché tutti abbiano i giusti stimoli per dare quel qualcosa in più alla squadra. Giocare contro squadre come London Irish o Stade Français sono occasioni meravigliose, momenti particolari per ogni rugbista. Noi come club e come squadra dobbiamo essere un punto di riferimento per Prato e per tutto il movimento rugbystico toscano. Puntiamo alla vittoria? Dobbiamo essere realisti. Per noi giocare contro i London Irish è un onore e dovremo dare il massimo in campo, perché queste sono partite di alto livello. Loro non stanno andando benissimo nel campionato inglese, però questo non ci conforta molto, poiché sono una squadra di alto livello e con molti giocatori importanti. Chiunque mette la maglia dei Cavalieri deve dare il 150% di quello che può”.

Gli fa eco capitan Patelli, anch’egli pronto per l’insidioso match in terra britannica:

“La Coppa è una parentesi fondamentale per tutti noi. È un momento di crescita e un’importante opportunità per confrontarci con giocatori di livello assoluto. Va vissuta con la massima positività, giocando a viso aperto e sapendo che saranno partite difficilissime. L’importante è portare Prato in Europa e farlo con orgoglio e entusiasmo. Affrontare squadre così forti è un onore. Con lo Stade Français abbiamo già giocato l’anno scorso, London Irish non ha bisogno di presentazioni, mentre c’è curiosità per i Lusitanos XV, contro cui il risultato non sarà scontato”.