Home / Cronaca / Guardia di Finanza sequestra falso cachemire: era acrilico e peli topo
guardia di finanza gdf
Guardia di Finanza

Guardia di Finanza sequestra falso cachemire: era acrilico e peli topo

LIVORNO – La Guardia di Finanzia di Livorno, in collaborazione con quella di Roma, ha sequestrato oltre un milione di capi di abbigliamento, tra cui prodotti venduti come cachemire. Questi capi, infatti, erano composti da un misto di lana viscosa, acrilico e di peli di topo e di altri animali. Le Fiamme Gialle hanno denunciato, così, 14 persone di nazionalità cinese per frode in commercio. Insieme ai falsi cachemire sono stati ritrovati anche capi con false lana merinos, seta e pashmina.

Le indagini sono partite circa un anno fa dopo un controllo in un negozio di Rosignano Marittimo gestito da cinesi e si sono concluse con una ventina di perquisizioni nel romano tra aziende e abitazioni sempre di cittadini della Repubblica Popolare. A Rosignano, nello specifico, i finanzieri avevano notato alcuni capi di maglieria esposti in vendita con le etichette riportanti la scritta “cachemire”, ma con un prezzo troppo basso e ritenuto non congruo. I militari hanno quindi fatto analizzare i capi al laboratorio chimico dell’Agenzia delle dogane scoprendo la vera composizione degli abiti.

Così, la Guardia di Finanza è risalita al fornitore, un grossista di Sesto Fiorentino, in provincia di Firenze, che ha distribuito la merce praticamente in tutta l’Italia centrale. Quest’ultimo, avrebbe rifornito anche molti negozi della provincia di Livorno gestiti sempre da cinesi. I fornitori del grossista sestese, invece, sono cinque società con sedi a Roma.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.