Home / Cronaca / FI – San Jacopino: Firenze Più Sicura in piazza contro il degrado
foto raccolta firme san jacopino
Un momento di raccolta firme

FI – San Jacopino: Firenze Più Sicura in piazza contro il degrado

Il Portavoce del Comitato Giovandomenico Guadagno, durante un tavolo di raccolta firme in Piazza San Jacopino, traccia un bilancio delle adesioni all’iniziativa: “Istanza a Prefetto e Questore già a quota 600 adesioni”

«La nostra petizione per chiedere più sicurezza nel rione di San Jacopino ha già raggiunto le 600 sottoscrizioni in pochi giorni». Dichiara Giovandomenico Guadagno, Portavoce del Comitato Firenze Più Sicura, in merito all’istanza, indirizzata al Prefetto Luigi Varratta e al Questore Raffaele Micillo, per chiedere maggiori controlli delle Forze dell’Ordine e l’istallazione di telecamere di sicurezza (clicca qui per leggere la petizione).

Questa iniziativa è nata soprattutto grazie all’impegno di due residenti, fondatori del “Gruppo San Jacopino” del Comitato, Simone Gianfaldoni e Gianni Giangrande.
«La situazione della sicurezza nel rione – continua Guadagno – negli ultimi due anni è precipitata. I problemi maggiori sono nelle ore notturne, in cui si assiste spesso a situazioni di spaccio di stupefacenti e alla presenza di ubriachi molesti. Inoltre si sono verificati furti, scippi e rapine, oltre a numerosi atti vandalici contro le auto in sosta e nei confronti dei commercianti, con danni anche di migliaia di euro alle loro attività.

Sull’aspetto degrado stiamo ancora aspettando il completamento dei lavori della piazza, inaugurata in pompa magna nel mese di aprile, in cui manca tra le altre cose gran parte dell’impianto di illuminazione (per la precisione 18 pali della luce). Questo crea molti angoli bui che non aiutano certo la sicurezza dei cittadini.

La nostra battaglia – conclude Guadagno – ha visto fin dal primo momento l’adesione del Centro Commerciale naturale, presieduto da Franco Ghezzi. Infatti presso i propri negozi, i commercianti hanno raccolto molte firme e parlato con i cittadini. Senza il loro fondamentale contributo non saremmo riusciti in così breve tempo a raccogliere così tante sottoscrizioni».

Una breve storia del Comitato

Il Comitato “Firenze Più Sicura” nasce nel febbraio 2013 su iniziativa di un gruppo di cittadini, provenienti da estrazioni politiche molto diverse tra loro, e ha lo scopo di far tornare la sicurezza e la lotta al degrado al centro dell’azione amministrativa di Firenze.

La prima battaglia, nata per chiedere più sicurezza nella zona di via Pistoiese, ha portato a luglio quasi 1000 sottoscrizioni sul tavolo del Prefetto Luigi Varratta, che dopo pochi giorni ha ricevuto i rappresentanti del comitato.

Sempre nel luglio Firenze Più Sicura ha aderito alla petizione “Per bellezza e legalità a San Lorenzo”, portata avanti da associazioni e comitati di zona, contribuendo alla raccolta di firme.

Per quanto riguarda la comunicazione, fin dal primo momento il Comitato ha puntato molto sulla presenza sul web e nei social network, mezzo ritenuto molto utile per un contatto quotidiano e immediato con i cittadini.

Da alcuni mesi è nato lo “Sportello antidegrado”, che riceve quotidianamente numerose segnalazioni di cittadini e commercianti, quasi sempre documentate da foto e video. Questo in primo luogo grazie ai 2300 followers della pagina Facebook (in crescita quotidiana) e al sito internet firenzepiusicura.it, che dopo pochi mesi di attività ha già superato i 30mila contatti.

Anche la campagna “diventa cittadino antidegrado” ha raccolto ad oggi quasi 100 adesioni di persone che hanno dato la propria disponibilità a dare una mano per migliorare la propria città.

Proprio in queste settimane stiamo ricevendo molte richieste da parte di residenti e commercianti di Firenze e fin dalle prossime settimane lanceremo altre battaglie per tutelare il diritto dei cittadini a vivere liberi dal degrado.

Fonte: Firenze Più Sicura

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.