Home / Eventi e cultura / Venerdì 21 Mike Joyce al Tender Club di Firenze
Mike Joyce

Venerdì 21 Mike Joyce al Tender Club di Firenze

Venerdì 21 febbraio 2014 dalle  21,30 al Tender Club di via Alamanni, THE SMITHS DJ SET feat. MIKE JOYCE

The SmithsDietro le pelli o alla consolle, per Mike Joyce non fa differenza. Sempre di buon brit-pop si tratta, soprattutto quando in ballo c’è un monumento chiamato The Smiths, la più rappresentativa band inglese degli ultimi 30 anni, caratterizzata dalla voce di Morrisey, dalla chitarra Johnny Marr, ma anche dal drumming di Mike Joyce, che insieme al basso di Andy Rourke ne ha scolpito la sezione ritmica.

E nel segno degli Smiths è il dj-set che Joyce offrirà al pubblico del Tender venerdì 21 febbraio, attingendo dalle tante perle distillate dal gruppo di Manchester, dai gruppi che li hanno ispirati e da quelli che ne hanno raccolto il testimone.

“I miei set non sono mai uguali e sono fatti per ballare. Una cosa è certa: passo solo la musica che mi piace, i gruppi che mi appassionano e quelli che penso possano appassionare gli altri. Lo so, soprattutto in Italia il pubblico vorrebbe solo classici come Happy Mondays, Blur, New Order, Stone Roses, Oasis, ma ci sono anche Howling Bells, Metric e molti altri nomi che negli ultimi tempi mi hanno colpito”.

Mike, la storia della new wave, dell’indie-rock e del post punk è nelle tue mani! E un po’ anche in quelle di Macca & Deli e Fritz Orlowsky, a cui è affidato il post-serata mentre ad aprire le danze è il live dei The Nostalgics: pop shoegaze e affini.

Gli inizi di Mike Joyce risalgono alla fine degli anni ’70 dietro i tamburi di due gruppi punk di Manchester: gli Hoax e i Victim. Ma è dall’incontro con Morrissey, Johnny Marr e Andy Rourke che la sua vita arriva al punto di svolta. Gli Smiths sono stati unici e inimitabili. Sia per la voce e le liriche di Morrissey, sia per agli accordi assolutamente originali di Johnny Marr. Particolare merito anche alle vertiginose scale del bassista Andy Rourke che diventavano un tutt’uno con la sezione ritmica veloce ed essenziale di Mike Joyce. In una manciata di anni hanno consegnato alla storia 4 album e un live, più una serie infinita di raccolte.

Dopo lo scioglimento degli Smiths, Mike Joyce prosegue nella sua attività di batterista e si unisce a Sinead O’Connor. Negli anni ’90 si siede dietro i tamburi dei Buzzcocks e poi dei P.I.L. In seguito collabora con Julian Cope, P.P. Arnold e Pete Wylie. Poi arriva un nuovo incontro con l’altro ex Smiths Andy Rourke col quale lavora ad un progetto musicale che li vede insieme ad Aziz Ibrahm (ex Stone Roses), Bonehead (ex Oasis) e Vinni Peculiar.

Recentemente Joyce e Rourke hanno realizzato un docufilm intitolato “Inside The Smiths” disponibile in dvd. Il video racconta le loro esperienze nel gruppo. Nel documentario, sia Joyce che Rourke non risparmiano le lodi a Morrissey ed a Marr, comunicando allo spettatore quanto credessero che gli Smiths fossero speciali, e come siano ancora speciali, per loro. Mike Joyce conduce un programma per l’emittente radiofonica East Village Radio di New York: “The Coalition Chart Show”. E lavora come dj nei maggiori club inglesi e d’Europa.