Home / Firenze / FIRENZE – USB: ‘Comune, concorso pubblico dirigenziale inopportuno’
palazzo vecchio

FIRENZE – USB: ‘Comune, concorso pubblico dirigenziale inopportuno’

Dura presa di posizione dell’Unione Sindacale di Base sul nuovo concorso pubblico appena bandito da Palazzo Vecchio e dal Sindaco, quasi Premier, Matteo Renzi

L’Amministrazione Comunale di Firenze ha bandito in data 11 Febbraio 2014 un concorso pubblico a due posti di Dirigente Economico Finanziario

“Se fossimo in un periodo normale, la cosa farebbe anche poca notizia, in fondo i posti di Dirigente in Comune sono coperti in gran numero da personale a chiamata da parte del Sindaco (art.90 e art 110 TUEL)….

Ma si dà il caso che siamo a fine mandato, non solo perché il nostro Datore di Lavoro pro tempore sarà chiamato a altro incarico istituzionale, ma perché la scadenza naturale è prevista per fine maggio, infatti il 25 maggio 2014 si svolgeranno le consultazioni elettorali. Inoltre come lavoratori del comune versiamo nella situazione che è ben nota a tutti noi, tagli alle indennità, produttività cancellata e chi più ne ha più ne metta.

E allora a fronte di quanto sopra è proprio opportuno in questa fase bandire questo concorso, al quale ne seguirà quasi sicuramente un altro per Dirigente Amministrativo?

Noi riteniamo di no !

Anche se ormai sappiamo da tempo che le loro ‘opportunità’ sono assai diverse dalle nostre….e poi…. anche se a pensar male si fa peccato, molto spesso ci si azzecca (cit. G.A.).”

fonte: USB Pubblico Impiego

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.