Home / Cronaca / FIRENZE – Rapine ai benzinai, arrestati 2 albanesi
polizia 2 questura

FIRENZE – Rapine ai benzinai, arrestati 2 albanesi

FIRENZE – Martedì sono finiti in manette due cittadini albanesi ritenuti responsabili della rapina consumata lo scorso 14 gennaio ai danni di un distributore di benzina in via Sestese. La polizia li ha individuati e catturati grazia ad una meticolosa attività investigativa della Squadra Mobile fiorentina. Nell’ultimo periodo il capoluogo toscano era stato scenario di una serie di rapine tutte in danno di benzinai e messe a segno da una coppia di soggetti travisati da caschi integrali. La prima della serie era stata registrata lo scorso 23 dicembre da un benzinaio di via Bolognese, la seconda, una settimana dopo (il 30 dicembre), in via Baccio da Montelupo, poi, il 14 gennaio era stata la volta di una stazione di rifornimento in via Sestese.

Alla luce di questi gravi episodi criminali gli uomini della Sezione Antirapina hanno svolto, con ferma determinazione, le indagini che ieri hanno portato alla cattura dei due stranieri di 22 e 27 anni. L’inchiesta è partita riunendo insieme tutte le denunce acquisite dalla polizia e che presentavano come denominatore comune le caratteristiche fisiche dei responsabili: i criminali erano sempre stati descritti come due soggetti stranieri, di cui uno molto alto; dopo essersi presentati di fronte alle loro vittime – entrambi travisati con caschi e  armati di pistole – si erano sempre allontanati dal luogo del delitto a bordo di un ciclomotore rubato.

Il primo indizio dal quale sono partiti gli inquirenti è stata proprio la corporatura, fuori dal comune di uno dei rapinatori che, secondo le testimonianze raccolte  – confermate anche  dalle immagini di videosorveglianza – sarebbe stato oltre 1 metro e 90 di altezza. Gli investigatori hanno passato al setaccio gli archivi di polizia alla ricerca di un soggetto che, data la serialità dei delitti, poteva essere verosimilmente conosciuto alle forze dell’ordine. Questa ipotesi ha trovato conferma quando gli stessi operatori dell’Antirapina hanno puntato il dito su un pregiudicato albanese di 26 anni che al momento si trovava agli arresti domiciliari nel Comune di Vaglia. Lo straniero aveva tuttavia il permesso di allontanarsi dal domicilio per frequentare delle scuole serali.

Nei giorni e negli orari durante i quali erano state messe a segno le rapine oggetto di indagini, il sospettato aveva di fatto saltato le lezioni. Di lì a poco i poliziotti sono riusciti anche a dare un volto al secondo soggetto ritenuto il complice del principale indiziato. Si tratta di un altro cittadino albanese, un 22enne controllato dalle pattuglie sul territorio in almeno due occasioni negli ultimi mesi. Una volta stretto il cerchio intorno ai due, la Squadra Mobile ha effettuato uno scrupoloso e mirato servizio di osservazione che ha permesso di monitorare tutti i loro spostamenti.

Martedì la coppia è stata seguita fino ad un altro distributore in via Sestese, un obiettivo appetibile per i rapinatori. Gli uomini della Mobile sono entrati in azione bloccandoli entrambi a bordo di un’autovettura. Nel bagagliaio sono stati trovati due caschi compatibili con quelli ripresi nelle immagini della rapina del 14 gennaio, una pistola Calibro 9 rubata, una scacciacani modificata, vario munizionamento, nonché del vestiario compatibile con quello indossato nell’ultimo colpo. Gli indagati sono finiti a Sollicciano, al momento indiziati della rapina consumata due settimane fa in via Sestese. Gli inquirenti stanno ora valutando loro eventuali responsabilità negli altri analoghi episodi.

 

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.